Sbk Brno 2018: Sykes in pole, Rea vince gara 1
SBK 2018

Sbk Brno 2018: Tom Sykes in pole, Rea vince gara 1


Avatar di Federico  Maffioli , il 09/06/18

3 anni fa - In Repubblica Ceca Rea diventa il più vincente di sempre in SBK

A Brnò Rea vince gara uno e diventa il pilota più vincente di sempre in Superbike, secondo Marco Melandri, terzo Sykes. Solo ottavo Davies

Benvenuto nello Speciale SBK REPUBBLICA CECA 2018, composto da 4 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SBK REPUBBLICA CECA 2018 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

MR POLE Dopo Donington, Tom Sykes si conferma il più veloce anche a Brnò centrando la prima casella dello schieramento di partenza davanti al suo compagno di squadra  Jonathan Rea. Sykes ha chiuso un giro sorprendente, fermando il cronometro sull’1’57’’687 e rifilando 198 millesimi a Campione del Mondo in carica. Prima fila anche per Marco Melandri che in Repubblice Ceca conquista la terza casella a soli 24 millesimi dal miglior crono di Rea. Tra le Yamaha migliore Alex Lowes, quarto, mentre il suo compagno di squadra Michael van der Mark si piazza in sesta posizione a chiudere una seconda fila caratterizzata da due moto di Iwata con in mezzo l’Aprilia di Laverty, oggi quinto nelle SP2 dopo aver siglato il miglior crono in SP1. Passo indietro, invece, per l’altro pilota Aprilia Lorenzo Savadori che dopo un Venerdì tra i più veloci, chiude la seconda sessione di qualifiche con il settimo tempo a 613 millesimi dal best lap di Sykes. Loris Baz, ottavo grazie ad un giro lanciato in scia alla Kawasaki di Rea, chiude la terza fila davanti all’altra Ducati ufficiale di Chaz Davies, ancora in difficoltà e nono sullo schieramento a ben 1'’324 dalla pole di giornata. Quarta fila, invece per Leon Camier, decimo, Michael Rinaldi, undicesimo e Yonny Hernandez, autore del dodicesimo  ed ultimo crono della seconda sessione di qualifiche oggi.

GARA UNO A Brnò la prima mance è stata interrotta e divisa in due parti a causa di una caduta di Michael Rinaldi che ha costretto la Direzione gara a far rientrare tutti ai box per la sostituzione di un airfan danneggiato. Nella prima parte della gara di Sabato è stato Jonathan Rea a partire per primo e andare in fuga, distaccando di quasi un secondo il suo compagno di squadra Tom Sykes, secondo davanti ad un Marco Melandri pronto a sferrare l’attacco alla Kawasaki numero 66. Più indietro insieme a loro anche Alex Lowes, vicino ai primi e in fuga dal compagno di squadra Michael van der Mark, sesto con un distacco di oltre 1.3 secondi. Prima parte di gara in difficoltà, poi, per Chaz Davies che, prima dell’interruzione, militava in sesta posizione con 3.7 secondi di ritardo dalla Kawasaki numero 1.

GARA UNO BIS Oltre alla bandiera rossa, però, le sorprese di gara uno non sono finite perché a causa di una gestione errata del semaforo, si è dovuta allestire una terza fase di allineamento e ripartenza. Un ulteriore momento di stress, sia psicologico per i piloti sia meccanico per le moto che ha penalizzato Rea, autore di una partenza sbagliata, ma, da fenomeno vero, recuperata nel giro di poche curve, piazzandosi in testa alla gara e chiudendo al traguardo primo in solitaria a 5,381 secondi dal secondo posto di Marco Melandri, che passa sotto la bandiera a scacchi davanti a Tom SYkes, terzo con 7.336 secondi di distacco dal compagno di squadra.

RECORD ASSOLUTO Con questa vittoria Jonathan Rea conquista il primato assoluto del pilota più vittorioso nella storia della SBK, sorpassando con sessanta vittorie totali l’icona delle derivate dalle serie King Karl Fogarty! Un successo, questo, che la dice lunga sul potenziale del pilota Nordirlandese che allunga ancora in campionato a 81 lunghezze dal secondo posto di Chaz Davies. A conti fatti Rea, alla metà esatta di questa stagione, si trova primo con oltre tre manche di vantaggio sulla diretta concorrenza.

VEDI ANCHE


DUCATI Sì DUCATI NO Marco Melandri sale quindi sul podio di Brnò dimostrandosi l’unico dei piloti in pista oggi con la Ducati a riuscire a stare davanti. Sabato da dimenticare, invece, per Chaz Davies solo ottavo al traguardo ad oltre dodici secondi da Melandri, 17.743 secondi da Rea ed in netta difficoltà rispetto al compagno di squadra. Male anche per Michael Rinaldi, che dopo la caduta nella prima parte di gara uno, riesce a ripartire ma chiude quindicesimo sotto la bandiera a scacchi

CONFERMA MANCATA Quarta posizione finale, invece, per Michael van der Mark, che vince la sfida diretta con il compagno di squadra Alex Lowes, quinto al traguardo. Dopo la grande prestazione inglese, quindi, entrambe le Yamaha non hanno dimostrato di aver recuperato più di tanto il gap tecnico rispetto alla Kawasaki, chiudendo gara uno con oltre undici secondi di ritardo dal Campione del Mondo in carica.

PASSO AVANTI Eugene Laverty chiude sesto il Sabato ceco, davanti all’altra Aprilia di Lorenzo Savadori, settimo sotto la bandiera a scacchi. Entrambi i piloti del Team Milwaukee, hanno comunque dimostrato di aver fatto un piccolo passo in avanti a livello tecnico, confermato da un tracciato così tecnico come quello di Brnò in cui la moto a posto conta sempre moltissimo.

TOP TEN Leon Camier e Toprak Razgatlioglu, rispettivamente nono e decimo, chiudono la lista dei primi dieci al traguardo in pista oggi. Domani sarà la Yamaha di van der Mark a partire dalla pole position, affiancato in prima fila dal compagno di squadra Alex Lowes  e da Eugene Laverty, rispettivamente sulla seconda e sulla terza casella dello schieramento di partenza.

GRIGLIA DI PARTENZA GARA DUE Qui gli orari per vedere la gara di domenica. Questo è l’ordine di partenza di domani di gara due della Superbike a Brnò in Repubblica Ceca: 1) Michael van der mark; 2) Alex Lowes; 3) Eugene Laverty; 4) Lorenzo Savadori; 5) Chaz Davies; 6) Leon camier; 7) Tom Sykes; 8) Marco Melandri;  9) Jonathan Rea; 10) Loris Baz; 11) Michael Rinaldi; 12) Yonny Hernandez; 13) Xavi Fores; 14) Roman Ramos; 15) Toprak Razgatlioglu; 16) Leandro Mercado; 17) Peter Jacobsen; 18) jordi Torres; 19) Jake Gagne;  20) O. Jezek.

TEMPI DELLE QUALIFICHE SP2

PILOTA TEAM TEMPO GAP
1. Tom Sykes Kawasaki 1’57’’687  
2. Jonathan Rea Kawasaki 1’57’’885 +0.198
3. Marco Melandri Ducati 1’57’’899 +0.212
4. Alex Lowes Yamaha 1’58’’187 +0.485
5. Eugene Laverty Aprilia 1’58’’187 +0.500
6. Michael van der Mark Yamaha 1’58’’223 +0.536
7. Lorenzo Savadori Aprilia 1’58’’300 +0.613
8. Loris Baz Bmw 1’58’’389 +0.702
9. Chaz Davies Ducati 1’59’’011 +1.324
10. Leon Camier Honda 1’59’’041 +1.354
11. Michael Rinaldi Ducati 1’59’’346 +1.659
12. Yonny Hernandez Kawasaki 1’59’’508’ +1.821

ORDINE ARRIVO GARA 1 SBK BRNO' 

PILOTA TEAM GAP
1. Jonathan Rea Kawasaki  
2. Marco Melandri Ducati +5.381
3. Tom Sykes Kawasaki +7.336
4. Michael vna der Mark Yamaha +11.893
5. Alex Lowes Yamaha +13.145
6. Eugene Laverty Aprilia +14.210
7. Lorenzo Savadori Aprilia +17.051
8. Chaz Davies Ducati +17.743
9. Leon Camier Honda +18.104
10. Toprak Razgatlioglu Kawasaki +21.783
11. Yonny Hernandez Kawasaki +30.614
12. Leandro Mercado Kawasaki +31.111
14. Xavi Fores Ducati +31.188
15. Michael Rinaldi Ducati +33.079

Pubblicato da Federico Maffioli, 09/06/2018
Gallery
sbk repubblica ceca 2018
Logo MotorBox