Autore:
Simone Valtieri

OBIETTIVO MISANO Un po' di ottimismo fa bene e Valentino Rossi, dall'alto della sua impareggiabile esperienza lo sa. Dopo aver vissuto la scorsa primavera uno dei momenti più difficili di tutta la carriera, con tre gare a zero punti e tanti dubbi sulle performance della sua Yamaha, il Dottore si è rimboccato le maniche e con i suoi uomini ha piano piano rimesso in carreggiata la situazione. Con i progressi fatti sull'elettronica della M1 nelle ultime due gare sono arrivati due piazzamenti ai piedi del podio, un risultato che Valentino non vuole mancare davanti al suo pubblico a Misano Adriatico, il 15 settembre prossimo.

CAMBIO DI UMORE "Ero abbastanza pessimista prima di arrivare a Misano per i test, dato che lo scorso anno andò piuttosto male. Arrivai settimo faticando per tutto il weekend" - ha spiegato Rossi - "Ora invece sono più ottimista e penso di poter fare una bella gara, poi dopo di questa ci saranno altre piste che mi piacciono e dove potrò fare bene. Essere competitivi in una pista sfavorevole è molto positivo, ci sono state tante Yamaha davanti nei test anche grazie ai giovani che stanno andando fortissimo."

TANTI RIVALI Se da una parte non è certa infatti la presenza di uno dei suoi rivali storici, Jorge Lorenzo, che fonti dalla Germania dicono ancora alle prese con i postumi del grave infortunio alla schiena subito ad Assen, dall'altra ci saranno tutti i più forti e, a giudicare proprio dal risultato della due giorni di test di Misano, anche in gran forma, a partire da Marc Marquez, per passare dai suoi compagni di marca Fabio Quartararo e Maverick Vinales, per arrivare al suzukista Alex Rins e ai due ducatisti Danilo Petrucci e, un po' meno in forma, Andrea Dovizioso, vittima anch'esso di un brutto incidente dal quale sta ancora recuperando un po' di acciacchi.

NOVITÀ OKAY "Per noi è stato un test positivo perché in primis siamo andati forte ed è la cosa più importante, e poi abbiamo provato diverse cose interessanti sia per quest'anno che per il prossimo. Abbiamo migliorato l'aderenza, tutti parlavano di problemi invece sono andato bene, e il nuovo forcellone in carbonio, unito al nuovo scarico, hanno migliorato la M1 che ora è più stabile." - ha aggiunto Valentino Rossi, prima di concludere con una battuta sulla nuova aerodinamica copertura del freno anteriore - "Serve per andare più forte e poi è bella, andrebbe tenuta anche solo per questo."


TAGS: yamaha rossi valentino rossi misano adriatico The Doctor MotoGP San Marino 2019 Test Misano MotoGP 46 Rossi 46 Rossi Misano