Autore:
Matteo Larini

FP3 MISTE Un forte rovescio di pioggia che aveva colpito il circuito nella tarda nottata ha reso la pista molto umida, costringendo i piloti della MotoGP a scendere in pista con le gomme Soft da bagnato, per avere il massimo grip in condizioni di non facile interpretazione. Le previsioni meteo per il pomeriggio, però, sono positive: il cielo dovrebbe essere clemente e consentire ai centauri di qualificarsi sull'asciutto. Il sole, già presente durante la terza sessione di prove, ha iniziato ad asciugare la pista, rendendo il turno imprevedibile fino al termine, anche se la pioggia ha aiutato quei piloti già qualificati per la Q2 ieri, impedendo agli altri di migliorarsi significativamente nella prima parte del turno e ottenere l'accesso diretto alla sessione più importante.

MARQUEZ DETTA LEGGE Che sia asciutto o bagnato, Marquez risponde sempre presente: il campione in carica, nella prima parte delle FP3, si è issato in testa, segnando dei tempi significativamente più rapidi degli altri colleghi, distanti oltre un secondo. Con le gomme morbide da bagnato, poi sostituite - ma solo da alcuni piloti - a 15 minuti dalla bandiera a scacchi con le medie rain, le Yamaha si sono ben comportate: Vinales era secondo, mentre Rossi e Quartararo quinto e sesto. Buona la prestazione anche di Petrucci, come sempre veloce in questi casi, che ha ottenuto il quarto tempo alle spalle di un ottimo Guintoli. Difficoltà più serie per Dovizioso, che ha anche modificato molto il setting della sua Desmosedici per migliorare il deludente 13° tempo del primo run.

ASFALTO QUASI ASCIUTTO Negli ultimi sette-otto minuti del turno, la pista è andata sempre più ad asciugarsi, tanto che in traiettoria, per buona parte del giro, l'asfalto era già praticamente asciutto. Tuttavia, la presenza di parecchia acqua stagnante in alcune curve ha costretto i piloti ad utilizzare ancora le gomme da bagnato. I tempi fatti segnare nella prima parte delle FP3 non sono stati migliorati significativamente, tanto che alla fine la top-3 è rimasta la stessa, con Marquez in testa, seguito da Vinales e dal sorprendente Guintoli. Quarto Petrucci a difendere l'onore Ducati sul bagnato e quinto un competitivo Rossi.

MotoGP FP3 Rep.Ceca, tempi e distacchi

Pos. Pilota Moto Tempo Distacco
1 Marc MARQUEZ Honda 2'04.279  
2 Maverick VIÑALES Yamaha 2'04.867 0.588 / 0.588
3 Sylvain GUINTOLI Suzuki 2'05.173 0.894 / 0.306
4 Danilo PETRUCCI Ducati 2'05.410 1.131 / 0.237
5 Valentino ROSSI Yamaha 2'05.731 1.452 / 0.321
6 Fabio QUARTARARO Yamaha 2'06.219 1.940 / 0.488
7 Joan MIR Suzuki 2'06.328 2.049 / 0.109
8 Pol ESPARGARO KTM 2'06.335 2.056 / 0.007
9 Miguel OLIVEIRA KTM 2'06.345 2.066 / 0.010
10 Andrea IANNONE Aprilia 2'06.381 2.102 / 0.036
11 Cal CRUTCHLOW Honda 2'06.527 2.248 / 0.146
12 Jack MILLER Ducati 2'06.539 2.260 / 0.012
13 Andrea DOVIZIOSO Ducati 2'06.599 2.320 / 0.060
14 Franco MORBIDELLI Yamaha 2'06.616 2.337 / 0.017
15 Alex RINS Suzuki 2'06.779 2.500 / 0.163
16 Johann ZARCO KTM 2'07.031 2.752 / 0.252
17 Aleix ESPARGARO Aprilia 2'07.114 2.835 / 0.083
18 Karel ABRAHAM Ducati 2'07.383 3.104 / 0.269
19 Takaaki NAKAGAMI Honda 2'07.414 3.135 / 0.031
20 Stefan BRADL Honda 2'07.872 3.593 / 0.458
21 Francesco BAGNAIA Ducati 2'07.944 3.665 / 0.072
22 Tito RABAT Ducati 2'08.199 3.920 / 0.255
23 Hafizh SYAHRIN KTM 2'08.325 4.046 / 0.126

 


TAGS: suzuki motogp valentino rossi brno marc marquez maverick vinales motogp 2019 FP3 CzechGP 2019 Repubblica Ceca Guintoli