Autore:
Matteo Larini

QUARTO E OTTAVO Questo è il bilancio delle Ducati ufficiali dopo la sessione di qualifica andata in scena sul circuito ceco di Brno, su cui si è abbattuta una serie di rovesci che hanno creato scompiglio in pista, ribaltando i valori in campo. Se Marquez è apparso irresistibile con l'audace scelta di optare per le slick su un tracciato ancora umido, specie nel terzo settore, la terza posizione di Miller sarebbe stata sicuramente alla portata del vicecampione 2018, che si è comunque classificato quarto e domani potrebbe lottare per la vittoria. Qualifiche più deludenti per Petrucci, che in queste condizioni di solito si esalta: urgono miglioramenti per la gara.

DOVI SODDISFATTO Anche se l'obiettivo prima fila non è stato centrato, Andrea Dovizioso è contento di quanto fatto, perché in queste condizioni è facilissimo commettere un errore: "Dopo la prima uscita in Q2 ero sicuro che avremmo potuto migliorare ulteriormente il nostro crono e nella seconda uscita, con la gomma rain più dura, pensavo di girare in 2:05 ma non sapevo se sarebbe bastato. Alla fine sono riuscito a fare un buon giro e, anche se non sono in prima fila, va bene lo stesso perché oggi con le condizioni della pista che abbiamo trovato era molto facile fare un errore e la cosa più importante era partire il più avanti possibile e ce l’abbiamo fatta".

DUCATI C'È L'italiano è soddisfatto anche perché, stando alle previsioni, domani non dovrebbe piovere. In condizioni di asciutto, la Ducati dovrebbe dire la sua per il podio (e forse la vittoria), ma bisogna stare attenti alle scelte degli avversari: "Sono contento soprattutto perché sull’asciutto ieri siamo stati abbastanza veloci e domani sembra che ci sarà bel tempo per la gara. Ovviamente c’è Márquez davanti, ed è sempre molto forte, però anche Rins e Viñales saranno competitivi domani. Bisognerà vedere che gomme sceglieranno e in ogni caso noi dovremo fare un bel warm up per arrivare con un buon feeling alla gara".

PETRUX OTTAVO Il compagno di box ternano, invece, non è soddisfatto del risultato, e recrimina per il ritorno della pioggia negli ultimi minuti della Q2, in cui aveva optato per le slick: "E’ stata una qualifica molto complicata perché le condizioni della pista erano difficili da interpretare. Il tracciato era bagnato e poi si è andato progressivamente asciugando, ma verso la fine della sessione ha ricominciato a piovere e purtroppo non sono riuscito ad essere veloce quando sono uscito con le gomme slick. In ogni caso, anche se il nostro obiettivo è sempre quello di partire nelle prime due file, la terza non è poi così male e domani spero di riuscire a fare una buona partenza per giocarmi le mie carte in gara, che sembra sarà asciutta".


TAGS: ducati motogp desmosedici dovizioso motogp 2019 Petrucci CzechGP 2019 MotoGP Czech 2019