Autore:
Matteo Larini

DOMINIO #93 Il Sachsenring è la sua pista: Marc Marquez ha stravinto il Gran Premio di Germania per la settima volta in MotoGP, rifilando oltre sei secondi al primo degli inseguitori, lo Yamahista Maverick Vinales, seguito dalla Honda di Cal Crutchlow. Quarto, in rimonta, Petrucci, seguito dalle altre due Ducati di Dovizioso e Miller. Rossi ha chiuso in ottava posizione dopo una gara in salita. Marquez ha così incrementato il suo vantaggio su Dovizioso da 44 a 58 punti.

MARQUEZ PARTE BENE Buona la partenza del poleman Marquez, che si è mantenuto in prima posizione ma è stato subito attaccato più volte da Maverick Vinales, che non aveva alcuna intenzione di lasciar scappare il connazionale, accreditato di un passo gara davvero ottimo. Valentino Rossi, dopo una partenza tranquilla, si è portato in nona posizione alle spalle di Morbidelli, mentre Fabio Quartararo, partito male, è caduto in curva-3.

TRIPLETTA SPAGNOLA Nei primi giri della corsa, escluso Marquez che ha tentato la fuga in solitaria, Rins e Vinales hanno animato la lotta per la seconda piazza, con il primo che ha superato il centauro Yamaha dopo un bel recupero dimostrando di avere un passo migliore. Vinales ha poi iniziato a perdere terreno, venendo raggiunto da Cal Crutchlow, piuttosto veloce in sella alla sua Honda. Più staccato Miller, a capitanare un gruppo di piloti composto anche dalle due Ducati ufficiali, seguiti a breve distanza da Morbidelli, Mir e Rossi.

CADE RINS Una volta superato Miller, Petrucci e Dovizioso hanno cercato di allontanarsi dai piloti alle loro spalle, venendo però presto raggiunti da Mir sull’unica Suzuki superstite dopo la caduta in curva 11 di Rins, avvenuta a 12 giri dalla bandiera a scacchi. Il gruppo in lotta per la quarta posizione occupata da Petrucci formava un serpentone simile a quello che spesso si vede nelle Moto3, con un ritmo non troppo buono.

ULTIMI GIRI Nelle ultime tornate, la gara ha offerto tanto spettacolo: davanti, c’è stata la lotta ravvicinata tra Vinales e Crutchlow, mentre alle loro spalle i due ducatisti hanno avviato un duello emozionante, contraddistinto da vari sorpassi e controsorpassi, mentre Miller, seguito da Mir, aveva perso un po’ di terreno, al pari di Rossi, che ha perso mezzo secondo con un piccolo errore.  Quarto posto dunque per Petrucci, vincitore del duello interno, seguito dal compagno Dovizioso, da Miller, da Mir e da Valentino Rossi, ottavo al traguardo.

MotoGP Germania, gara: ordine d'arrivo e distacchi

Pos. Pilota Moto Tempo /Distacco
1 Marc MARQUEZ Honda 41'08.276
2 Maverick VIÑALES Yamaha 4.587
3 Cal CRUTCHLOW Honda 7.741
4 Danilo PETRUCCI Ducati 16.577
5 Andrea DOVIZIOSO Ducati 16.669
6 Jack MILLER Ducati 16.836
7 Joan MIR Suzuki 17.156
8 Valentino ROSSI Yamaha 19.110
9 Franco MORBIDELLI Yamaha 20.634
10 Stefan BRADL Honda 22.708
11 Tito RABAT Ducati 26.345
12 Pol ESPARGARO KTM 26.574
13 Andrea IANNONE Aprilia 32.753
14 Takaaki NAKAGAMI Honda 32.925
15 Karel ABRAHAM Ducati 37.934
16 Hafizh SYAHRIN KTM 41.615
17 Francesco BAGNAIA Ducati 56.189
18 Miguel OLIVEIRA KTM 57.377
Ritirati
  Aleix ESPARGARO Aprilia 2 Laps
  Alex RINS Suzuki 12 Laps
  Johann ZARCO KTM 28 Laps
  Fabio QUARTARARO Yamaha 29 Laps

TAGS: yamaha honda ducati motogp marquez vinales motogp 2019 Crutchlow GermanMotoGP 2019