Autore:
Matteo Larini

POLE DI MARC Ancora una volta, sulla pista amica di Aragon, Marc Marquez ha ottenuto una perentoria pole position, la quinta su questa pista, battendo le due Yamaha di Fabio Quartararo (secondo a 327 millesimi) e Maverick Vinales, terzo a quattro decimi. Le M1 si sono dunque confermate competitive, anche se il marziano Marc, come già aveva fatto intuire nelle FP1 (in cui aveva distanziato tutti di oltre un secondo), è rimasto irraggiungibile, anche se la gara potrebbe comunque riservare delle sorprese.

MARQUEZ FELICE  Dopo aver ottenuto la quinta pole sul tracciato di Aragon, sul quale si è sempre trovato bene, Marc Marquez si è presentato raggiante ai microfoni delle interviste post-qualifiche, in cui ha descritto così le sue sensazioni in vista della gara, che lo vede favorito assoluto: "Abbiamo fatto un bel giro, specialmente col primo pneumatico, col secondo ho fatto troppi errori, due o tre, e poi ho visto che Quartararo veniva forte. Il target era la pole, abbiamo rischiato di più nelle FP4, dove abbiamo fatto tanti giri per fare un bel passo, ho gestito bene la media che ieri, assieme al vento, mi creava delle difficoltà, e questa è la cosa più importante per la gara. In qualifica potevo fare meglio nel T1. Partiamo in prima fila, in pole, e questo è quello che più serve per la corsa: non dobbiamo fare come in Texas dove sono caduto".

QUARTARARO SECONDO  Ancora una volta, Fabio Quartararo è stato la migliore Yamaha in pista, battendo i piloti ufficiali, giunti entrambi alle sue spalle. Descrivendo il suo giro decisivo della Q2, in cui era in pole provvisoria fino al T4, il transalpino ha ammesso di aver dato tutto: "Ho fatto un giro al limite, forse anche oltre. Ho visto che ero nella top 5 prima di fare il mio giro e mi sono detto che dovevo fare qualcosa perché partire in prima fila qui è importante, e ci siamo riusciti: era il nostro obiettivo. Quando ho visto il tempo sapevo che era un tempo per la prima fila, ed abbiamo anche un passo gara buono per domani, anche col pieno di benzina". Pensando alla gara, Quartararo ammette che stavolta Marquez è più rapido, e che difficilmente riuscirà a contendergli la vittoria come avvenuto domenica scorsa: "Sono contento per questa prima fila, credo sia la mia ottava prima fila, grazie a tutti: oggi mi dò un 9, ma non abbiamo risolto il problema con la frenata. Abbiamo trovato qualcosa col pieno, ma non siamo ancora a posto. Non penso di poter lottare con Marquez, ha un passo molto migliore, noi possiamo fare massimo tre giri sul quarantotto".

MAVERICK TERZO Secondo dopo il primo run della Q2, Maverick Vinales è retrocesso al terzo posto a causa del giro pazzesco di Quartararo. Lo spagnolo è comunque contento della prima fila, anche se sa che c'è molto da fare per lottare con Marquez"La verità è che abbiamo fatto un passo avanti importante, dopo la pioggia la pista era molto scivolosa, ma sono sicuro che domani sarà molto migliore. Dobbiamo continuare a lavorare, sicuramente domani faremo un passo avanti, l'importante è lavorare molto bene stanotte per essere più veloci domani, dobbiamo lavorare tanto, ho fatto il tempo con la moto standard che qui è ancora un po' migliore, va migliorato l'assetto. Domani proverò al massimo a battere Marquez, se non riesco penso al secondo posto, proverò ad essere primo alla prima curva e poi vediamo".


TAGS: yamaha ducati rossi motogp aragon dovizioso marquez vinales motogp 2019 Quartararo MotoGP Aragon AragonMotoGP 2019