Autore:
Simone Valtieri
Pubblicato il 01/11/2018 ore 13:00

FORZA "PECCO"! Francesco Bagnaia, meglio noto con il nome di "Pecco", com'è da tutti conosciuto nell'ambiente del paddock, può vincere domenica, al termine del Gran Premio della Malesia, il suo primo titolo mondiale. L'alfiere del team Sky è alla sesta stagione nel Motomondiale e dopo una carriera iniziata da giovanissimo nella Moto3 e contraddistinta da una costante e inarrestabile crescita, è vicinissimo alla conquista a Sepang della corona iridata nella Moto2, dove peraltro ha già vinto la gara della Moto3 nel 2016 in sella alla Mahindra.

CARRIERA IN DECOLLO Quello fu il primo campionato che vide "Pecco" veramente competitivo, con sei podi, due vittorie, e un quarto posto finale che gli valse la promozione nella classe che lo ha lanciato quest'anno nell'Olimpo delle due ruote. Eh sì, perché Bagnaia ha già firmato con la Ducati del team Pramac Racing per il 2019, e dopo una stagione di apprendistato nel 2017 in Moto2, terminata con il quinto posto in classifica e il titolo di Rookie of the year, quest'anno ha sin qui sbaragliato la concorrenza con 11 podi e 8 vittorie, contro le 2 del suo rivale diretto, il portoghese Miguel Oliveira.

CONCENTRAZIONE ALTA E proprio Oliveira rappresenta l'ultimo ostacolo verso la gloria. Il portoghese è ancora in lizza per il titolo, anche se 36 punti di ritardo sembrano difficili da recuperare quando mancano appena due gare al termine. Ma com'è noto, gli ultimi centimetri sono sempre i più insidiosi, perciò Pecco dovrà mantenere alta la concentrazione e non adagiarsi sulle tante combinazioni statistiche che lo vedono campione già domenica. A consigliare il talento di Torino, dov'è nato il 14 gennaio del 1997, arrivano le parole di due mostri sacri della MotoGP, il suo boss del team Sky VR46 per cui corre, Valentino Rossi, e il fresco pentacampione della classe regina, Marc Marquez.

CONSIGLI PREZIOSI: "Sarà per lui una grande emozione svegliarsi la domenica mattina per vincere il mondiale, anche se in realtà di questo te ne rendi conto solo dopo" - ha spiegato Valentino Rossi ai microfoni di Sky - "A Bagnaia dico di stare tranquillo, può arrivare anche terzo ma io gli ho consigliato comunque di fare un weekend il più normale possibile e di arrivare davanti, quella è sempre la cosa migliore per vincere un mondiale." E il parere di Marc Marquez non è dissimile. Per consigliare Bagnaia, lo spagnolo racconta un aneddoto targato 2018: "Io ero in bagno a fare la pipì, avevo 15 anni, e ricordo come se fosse ieri che lì dentro sentivo qualcuno che cantava 'volare, oh oh, cantare, oh oh oh oh...'. Era Marco Simoncelli, che due ore dopo avrebbe vinto il titolo nella 250. Ecco, così deve fare Pecco, deve arrivare rilassato, è questo il segreto per vincere."

LE COMBINAZIONI VINCENTI Andiamo infine a vedere nel concreto cosa dovrà fare "Pecco" Bagnaia per poter festeggiare già domenica, con una gara di anticipo, l'iride nella classe cadetta. L'italiano sarà campione con ogni combinazione possibile se dovesse arrivare davanti a Miguel Oliveira, o se quest'ultimo dovesse fare 15° o peggio. Se invece Oliveira precedesse Bagnaia nell'ordine d'arrivo, Pecco sarebbe campione se arrivare 2° o 3° con il portoghese vincente, se finisce nella top 7 con Oliveira 2°, se finisce nei primi 11 con l'avversario 3°, se finisce nei primi 14° con Miguel 4°. Sapete tutto, ora non vi resta che dare appuntamento a domenica mattina all'alba, ore 6.20, quando i semafori della classe Moto2 si spegneranno, e si accenderà il sogno di gloria di Francesco Bagnaia. Buona fortuna "Pecco"!


TAGS: moto2 motogp francesco bagnaia miguel oliveira Pecco Bagnaia Bagnaia combinazioni titolo