Pubblicato il 09/08/20

GRANDI SORPRESE La MotoGP sta regalando grandi sorprese. Complice anche l'assenza di un dominatore come Marquez, bisogna anche considerare che la concorrenza è sempre più competitiva e agguerrita, e nemmeno gli ultimi arrivati vogliono stare là in fondo a guardare. Brad Binder con la KTM ne è la dimostrazione lampante, così come Morbidelli e Zarco sul podio di Brno, ma anche un'ottima partenza di Aleix Espargaro con Aprilia. Dall'altra parte però, alcuni piloti ufficiali protagonisti nelle altre gare stanno soffrendo più del previsto, e non sono per nulla contenti... così come Pol Espargaro, la cui gara è terminata prematuramente a causa di un contatto con Johann Zarco.

Per scoprire le opinioni dei piloti MotoGP dopo la gara di Brno, ecco le parole dei protagonisti della terza gara della Classe Regina del Motomondiale 2020. 

Brad Binder

BRAD BINDER

Onestamente, sono senza parole. Ho sempre sognato questo momento sin da quando ero un bambino e oggi, il mio sogno è diventato realtà. È incredibile: ho vinto la mia prima gara in MotoGP! Voglio ringraziare tutti quelli che mi hanno supportato, dalla mia famiglia che è rimasta a casa, e tutto il mio team: mi hanno fornito una moto incredibile. Sapevamo di avere un’opportunità per fare bene, ma non addirittura di vincere! Gli ultimi dieci giri sono stati i più intensi nella mia vita. Cercavo di essere il più dolce possibile per non commettere errori. Incredibile”.

FRANCO MORBIDELLI

Sono così contento di aver ottenuto il mio primo podio in MotoGP! È stata una gara un po’ strana perché non ho mai potuto spingere al 100% durante tutta la gara, all’inizio ero veloce, il mio passo era migliore di quanto mi aspettavo e staccavo il gruppo a ogni giro. Ho visto Binder, tutto ad un tratto, raggiungermi e – siccome aveva le gomme medie - mi sono reso subito conto che lui si trovava in una posizione di vantaggio. Non ho nemmeno voluto lottare troppo o esagerare, volevo soltanto portarmi a casa il primo podio. Voglio ringraziare il Petronas SRT Team, i miei meccanici, Yamaha e tutte le persone a casa che mi supportano. Ora riposiamo per tre giorni e siamo pronti per l’Austra, con la giusta carica!”.

JOHANN ZARCO

Giornata fantastica oggi, anche migliore di ieri che celebravo la pole position, perché un podio ha un sapore diverso: vuol dire che hai fatto davvero bene! La gara è stata molto dura, non sono partito bene ed è un peccato perché nei primi 5 giri potevo andare più forte di Morbidelli ma ho dovuto lottare nel gruppo e ho perso un po’ di tempo. Poi ho avuto un contatto (con Pol Espargaro, ndr) e dopo aver sorpassato Quartararo, mi hanno dato la penalità mentre mi trovavo in terza posizione. Non appena l’ho vista ho voluto scontare il long lap immediatamente, per non perdere la concentrazione e il ritmo. Appena ho visto che nessuno mi ha sorpassato, mi sono detto “posso arrivare terzo” ed ero concentrato a recuperare Morbidelli. Alla fine Rins mi ha fatto spaventare perché era molto molto veloce, ma l’ultimo settore l’ho gestito meglio io. Sono molto contento per il team e voglio ringraziare Ducati per la fiducia e per gli investimenti che stanno facendo”.

Johann Zarco

FABIO QUARTARARO

Nella gara di oggi abbiamo faticato dall’inizio alla fine, per questo dobbiamo analizzare cosa possiamo migliorare per essere certi che non accada di nuovo. Abbiamo faticato con l’usura della gomma venerdì, ma poi durante le FP4 sono migliorato e quindi non mi aspettavo che le gomme fossero messe così male come oggi. Non sono contento con il mio 7° posto, ma ho comunque portato a casa nove punti e ho aumentato – anche se di poco – il mio vantaggio in classifica. Non sto ancora pensando al Mondiale, sto affrontando tutto gara per gara. Certamente io vorrei sempre essere sul podio, ma vedere Franco Morbidelli lassù è stato bello comunque! Speriamo di fare ancora meglio in Austria”.

POL ESPARGARO

Stavo cercando di rimanere calmo quando è avvenuto il contatto. Non ho potuto mostrare tutto il mio potenziale, e non ho potuto lottare per vincere la mia prima gara con KTM, ma sono contento che sia stato Brad a farlo perché è un bravissimo ragazzo e lavora sodo: se lo merita! Anche perché era un peccato non vincere oggi, eravamo in splendida forma”.

VALENTINO ROSSI

''È stata una bella gara. La seconda gara a Jerez è andata meglio perchè ho fatto podio, ma complessivamente la mia performance odierna è migliore: sono partito dalla quarta fila! Le gare in MotoGP sono sempre più difficili, ma mi sentivo bene sulla moto, e su questo tracciato riuscivo andavo forte. Sono partito alla grande e ho mantenuto lo stesso ritmo fino alla fine, ed è un peccato aver sbagliato strategia in qualifica perché sarei potuto partire più avanti e, di conseguenza, più avvantaggiato. Probabilmente avrei potuto anche lottare per il podio. Ma comunque, non toglie il fatto che oggi mi sento di aver fatto una buona gara e mi sono divertito''.

MAVERICK VIÑALES

Probabilmente è stato il mio peggior risultato in Yamaha. Onestamente non so cosa sia successo. Stamattina mi sentivo alla grande e giravo forte, anche con gomme usate. Ma in gara non riscivo a mantenere il passo con gli altri, nemmeno per un giro. Ho iniziato subito a perdere grip, e poco alla volta peggiorava. Era molto difficile spingere: l’unica cosa che potevo fare era arrivare fino al traguardo e portare a casa dei punti. Probabilmente se avessi spinto di più ne avrei portati a casa zero… per questo oggi abbiamo portato a casa punti importanti. Il mio vantaggio è che il leader del Mondiale (Quartararo, ndr) non ha brillato, quindi anche questo riduce il danno odierno. Spero di essere più veloce in Austria”.

Andrea Dovizioso

ANDREA DOVIZIOSO

È stato un weekend difficile, e purtroppo non abbiamo ancora individuato la ragione dei nostri problemi. Oggi gli pneumatici hanno risentito molto dall’usura e non ci hanno permesso di esprimerci al meglio, ma non sappiamo di preciso se siano state solo le gomme a fare una differenza così grande in gara. D’altra parte Zarco è stato protagonista di un grande fine settimana e questo ci permetterà di analizzare anche i suoi dati per capire meglio la situazione”.

DANILO PETRUCCI

Sapevamo che sarebbe stata una domenica complicata, ma non mi aspettavo di essere così lento fin dall’inizio. Purtroppo ho sofferto tantissimo la mancanza di grip, un problema che abbiamo avuto tutto il fine settimana, e ho faticato a tenere un buon ritmo per tutta la gara. Oggi ce l’ho messa tutta senza riuscire a portare a casa un buon risultato, per cui ora dobbiamo solo guardare avanti. Fortunatamente la prossima settimana avremo già un’occasione per riscattarci, visto che saremo di nuovo in pista in Austria”.

ALEIX ESPARGARO

“Sono soddisfatto di aver concluso la gara dopo quanto accaduto a Jerez, anche se non posso essere pienamente felice. Purtroppo in gara non siamo stati incisivi quanto in qualifica, non avevo il ritmo per rimanere con i migliori. Da un lato pero’, siamo rimasti in top-10 su una pista dove storicamente soffriamo, e questo puo’ essere il vero punto di inizio della nostra stagione. Dobbiamo lavorare specialmente sull’accelerazione e sulla velocità a centro curva, anche se su questo secondo aspetto forse hanno inciso le due scivolate di Jerez che mi hanno convinto a correre meno rischi. In ogni caso voglio vedere il bicchiere mezzo pieno, rimaniamo positivi e concentrati. Conosciamo i nostri limiti e dobbiamo dare il massimo per risolverli”.

BRADLEY SMITH

“La partenza e le prime fasi di gara sono state buone, ed è sicuramente bello aver visto Aleix così avanti. Purtroppo il mio ritmo è andato peggiorando dopo pochi giri, in maniera simile a quanto accaduto a Jerez ho iniziato presto a lottare con il grip al posteriore. Aver concluso la gara ci permette comunque di raccogliere ancora dati importanti per la crescita del nostro progetto, sembra che già dalla prossima gara avremo qualche novità da provare e questo è molto importante”.


TAGS: gara valentino rossi brno andrea dovizioso maverick vinales pol espargaro franco morbidelli johann zarco Fabio Quartararo MotoGP 2020 Dichiarazioni piloti