Pubblicato il 07/09/2017 ore 18:25

DIE HARD Il telefono che squilla a vuoto, un organico ridotto ai minimi termini, le voci di chiusura definitiva che si rincorrono e aspettano solo una conferma. Bimota è morta, anzi no. Un improvviso e ottimistico sussulto: Bimota tiene duro, è solo impegnata nel trasloco. Il comunicato ufficiale diffuso nel pomeriggio dall'azienda di Rimini rassicura il mondo delle due ruote: nessuno smantellamento, l'attività prosegue in un nuovo stabile e presto tornerà a pieno regime

CAMBIO DI RESIDENZA Il nuovo corso Bimota proseguirebbe dunque in un'altra location, un piccolo ma funzionale stabilimento che sorge sempre a Rimini, a poche centinaia di metri proprio dalla struttura storica di via Lea Giaccaglia. La nuova "casa", si legge, si avvale di "uno spazio luminoso e organizzato su un unico piano, così da agevolare un flusso di produzione snello e lineare, da autentica fabbrica artigianale quale Bimota si fregia di essere". Una struttura a parte ospita invece i pezzi di ricambio dei modelli fuori serie. 

LAVORI IN CORSO Nonostante il trasloco dai locali precedenti sia lungi dal dirsi completato, l'assemblaggio di nuovi modelli sarebbe già in corso d'opera. Anche se, per stessa ammissione della Casa, in un momento delicato come quello che sta attraversando il marchio fondato negli anni Settanta da Massimo Tamburini, più che su produzione e vendita il focus si concentra per adesso sul servizio di assistenza a clienti e importatori.

POCHI MA BUONI Il comunicato parla infine di "staff sempre più selezionato e competente", perifrasi che nasconde una probabile sforbiciata al numero dei dipendenti, ma che al tempo stesso riafferma il nome che Bimota (non nuova, purtroppo, a vicende che ne hanno fatto temere la scomparsa) si è guadagnata nei decenni tra le factory di moto esclusive e di elevata qualità. L'azienda rende noto il suo contatto temporaneo: 0541 391290, attivo dalle 9 alle 17. Sempre info@bimota.it l'indirizzo di posta elettronica. In attesa che il ricollocamento venga perfezionato e che il business riacquisti slancio, la community a due ruote tira un sospiro di sollievo. 


TAGS: bimota produzione rimini stabilimento fabbrica massimo tamburini