BACK TO THE ‘80S Raf in una sua vecchia canzone si chiedeva cosa sarebbe rimasto degli anni ’80, trent’anni dopo possiamo rispondere al cantautore dicendo cosa sta tornado: la DR BIG. Suzuki pare stia puntando molto sull’operazione nostalgia e a ritmo di Flash Dance potrebbe rispolverare, dopo la Katana, anche la mitica endurona.

FOTO SPIA Due ignari tester Suzuki sono stati pizzicati in sella a dei muletti ben camuffati per le vie di una città italiana (la targa dell’auto questo lascia intendere). La presenza del Belpaese non è da prendere sottogamba: dal quartier generale italiano nascono idee come la SV650X-TER e la supersportiva pronto gara Ryuyo, anche la nuova Katana ha nelle vene del sangue tricolore.

L’IDEA La volontà di rilanciare la DR Big (anche se con motore bicilindrico) nasce per dare una connotazione più avventuriera alla V-Strom, questo dichiarava un insider al magazine spagnolo Trailsridermag. Guardando la foto però pare che la nuova maxi enduro di Hamamatsu sarà più un semplice restyling piuttosto che una rivoluzione.

NUOVA LINFA Nello specifico mancano le sospensioni a lunga escursione e delle protezioni adeguate per riparare collettori e coppa dell’olio da eventuali urti nell’uso fuoristradistico, ma soprattutto la ruota anteriore da 21 pollici in grado di aggredire gli ostacoli. C’è invece il faro anteriore squadrato (sembrerebbe lo stesso della Katana) che apre un nuovo scenario: la denominazione V-Strom  (DL 1000) lascerebbe il passo alla più iconica DR nella speranza di rilanciare l’interesse e le vendite.  


TAGS: suzuki suzuki v-strom 1000 suzuki vstrom suzuki v-strom 1000 2020