Pubblicato il 22/05/20

MISSILE GIAPPONESE L'arrivo della nuova Honda CBR1000RR-R ha cambiato le carte in tavola nel segmento delle maxi supersportive. Forte dei suoi 217,5 CV e 113 Nm, la nuova Fireblade SP ha catalizzato l'attenzione di tutto il mercato. In attesa di porterla mettere a confronto con le sue dirette rivali in un medesimo tracciato, anche il segmento delle maxi naked si è rinnovato. Finalmente è arrivata la tanto attesa Ducati Streetfighter V4, KTM ha rinnovato la 1290 Super Duke R e MV Agusta è alle prese con la produzione della Brutale 1000 RR

Un render mostra come sarebbe una Honda naked ispirata alla CBR1000RR-R

E SE INVECE... Il segmento delle maxi naked è da sempre influenzato da quello delle maxi sportive: le novità spesso prima vengono introdotte sulle carenate, le punte di diamante in termini di performance, e poi sulle ''nude''. Gli esempi più lampanti sono quelli di Ducati, di Aprilia con la Tuono, BMW con la S 1000 R e Yamaha con la MT-10. Honda invece ha deciso preso un'altra direzione con la CB1000R, ovvero quella di una moto più stradale e fruibile nel quotidiano rispetto alle ''teppiste europee''. Il designer Kar Lee di Kardesignkoncept ha proposto la sua interpetazione di hyper naked Made in Tokyo, che va contro alla filosofia dell'attuale CB1000R. Si tratta di un rendering in cui il telaio e il motore sono prelevati dalla precedente generazione di CBR1000 (a differenza dell'attuale CB, in cui è alloggiato il motore della Fireblade 1000 del 2006), mentre rimane il monoforcellone posteriore come elemento stilistico. Le sovrastrutture non sono altro che quelle della CBR RR-R rimodellate per una naked: pressapoco è la stessa cosa che fa Ducati con la Streetifighter e Aprilia con la Tuono.


TAGS: honda honda cb1000r maxi naked rendering Honda CBR1000RR-R Fireblade SP