Autore:
Danilo Chissalè

JAPAN MON AMOUR L’amore tra il preparatore francese MRS e Kawasaki va avanti da ormai tre anni. Dopo una Vulcan S in stile Cafè Racer e la Z650 in stile flat track, è ora il turno del best seller di Akashi: la Z900RS. Il preparatore d’oltralpe è rimasto folgorato dalla bellezza di questa moto sin dalla sua presentazione al pubblico e ha dunque deciso di realizzare una speciale Cafè Racer partendo proprio dalla base della vintage Kawasaki.

LE MODIFICHE Le modifiche, come spesso succede nel mondo della customizzazione, si concentrano prevalentemente sull’ estetica. Il manubrio alto è stato da due semi manubri, il faro tondo è fasciato ora da un cupolino dal design minimale e la sella si dimentica del passeggero, lasciando al solo pilota il piacere di guida. La ciclistica è stata leggermente modificata: conservata la forcella, il mono ammortizzatore ha lasciato il posto a due ammortizzatori, più in linea con il fascino d’antin della Z900RS.

L’ARTIGIANO MRS Oficina ci spiega:” Quando è stata presentata in Eicma la Z900RS nel 2017, abbiamo avuto una sorta di illuminazione, quella doveva essere la base da cui partire per il nostro nuovo progetto! Abbiamo istintivamente immaginato il risultato che avremmo potuto ottenere e, poche settimane dopo, la filiale francese di Kawasaki ha sposato il nostro progetto. "Abbiamo cercato di mantenere molte parti originali come il faro e la forcella, quindi c'è stato molto lavoro per armonizzare le modifiche con le parti originali, e spero che il risultato finale soddisferà il pubblico".  


TAGS: kawasaki kawasaki z900rs special kawasaki z900rs cafe racer kawasaki z900rs kawasaki z900rs prova