LA MINI NINJA GIRA FORTE Less is better dicono gli inglesi. Un principio che spesso trova consensi, ma non sulla nuova Kawasaki Ninja ZX-25R. Infatti, oggi vale esattamente il contrario con la sportiva della Casa giapponese, ossia “more is better”, perché a livello tecnico la piccoletta offre tutto e di più. Partiamo dai cilindri, che sono quattro (tanti per una 250 di oggi), poi la potenza, che potrebbe sforare i 60 CV e infine il regime di giri, con la zona rossa collocata alla stratosferica vetta di 17.000 giri/min. Tutto il contrario delle piccole bicilindriche, diciamocelo, un po’ insipide che popolano da qualche anno il nostro mercato. La stessa Ninja 400 (e non 250…) raggranella solo 46 CV dal suo bicilindrico mentre la Ninja 650 arriva a 68 CV. E allora vediamola insieme questa piccola bomba verde, che si presenta con un look davvero bello e che richiama quello della sorella maggiore “NinjaMille”.

Kawasaki Ninja ZX-25R: quattro cilindri e limitatore a 17.000 giri

COMPONENTISTICA BEST IN CLASS Ma lo stile non è formato solo dalle sovrastrutture, perché un occhio attento avrà visto dalle immagini che girano sul web il bellissimo profilo del telaio perimetrale, del forcellone a bracci differenziati e della forcella Showa upside-down BPF. Tutti elementi, che tra l’altro, ne esaltano anche il profilo tecnico. A questo punto, sveliamo altri dettagli sulla Ninja ZX-25R, che sono il cambio a sei rapporti quickshift e il controllo di trazione KTRC. Inutile dilungarsi su resto, la vera attrazione è il quattro cilindri di 250 cc, che ricorda da lontano le 250/400 degli anni ’90, tanto popolari in Giappone per questioni legislative. E se i 60 CV dichiarati corrispondono a realtà, questa sarebbe una potenza davvero impressionante per il piccolo duemmezzo.

LE MILLE NON SPINGONO TANTO Impressionante, torniamo a ripeterlo, è il regime di rotazione dei quattro cilindri in linea, quei 17.000 giri dove inizia la zona rossa sullo strumento che nessuna, o quasi, supersportiva riesce nemmeno a sfiorare. A partire dalle grandi 1.000 di cilindrata: hanno un motore più grande, è vero, quindi con regimi di giri più bassi, ma è interessante lo stesso fare un confronto. Cominciamo con la nuova Honda CBR 1000 RR-R, che arriva a 14.500 giri/min, oppure la Ducati Panigale V4-R che raggiunge i 16.500 giri/min. Per restare in casa Kawasaki, la H2R sovralimentata fissa il tetto della zona rossa a 14.000 giri/min. Insomma, la nuova Ninja ZX-25R si è ritagliata un piccolo record tutto per sé. Nota stonata? Purtroppo, non sarà importata in Europa, almeno per ora. Peccato, perché la curiosità di guararla da vicino e, magari, provarla è tanta: chissà come frulla il quattro-in-linea e che sound al limitatore! Per ora dovremo accontentarci di vederla nelle foto e nei video che girano sul web.


TAGS: kawasaki kawasaki ninja 250 kawasaki ninja zx25r nuova kawsaki ninja 250 nuova ninja 250 motore nuova ninja 250 foto