Anteprima:

Beta Urban 125/200


Avatar Redazionale , il 14/11/07

13 anni fa - La "fuori" da città

Moto minimal per eccellenza, la Urban si propone come mezzo essenziale per vivere la città. Agile leggera e ridotta all'osso è adatta veramente a tutti.


TUTTA MIA LA CITTA'
Chi ama le moto essenziali e si sentisse orfano della Yamaha Tricker (non più sul mercato) potrà sempre consolarsi con la nuova Beta Urban che utilizza la stessa identica ricetta della easy bike di Iwata. Ed è una ricetta molto azzeccata. Moto essenziale, a metà strada tra una scrambler e una moto da alpinismo la Urban si propone come mezzo per la città (del resto il nome mica l'hanno messo a caso no?) adatto a tutte le capacità di guida.

COME UNA PIUMA La sua arma migliore è senza dubbio la leggerezza,la Urban pesa solo 101 kg nella versione 125 e 110 nella versione 200. La Urban promette consumi bassissimi che aiuteranno il serbatoio da soli 6 litri ad assicurare una autonomia adeguata. La ciclistica non spicca voli pindarici ma si affida ad un robusto telaio a traliccio e ad un forcellone in acciaio, anche se non rinuncia ad un leveraggio progressivo per l'ammortizzatore, mentre la forcella tradizionale è una Paioli con steli da 37 mm.

RUOTE DA CITTÁ Le ruote da 19 pollici all'anteriore e da 16 al posteriore sono gommate con pneumatici moderatamente tassellati da 80/100-19 e 120/90-16. In più Beta ha condito il tutto con una linea modaiola caratterizzata dal grosso faro poligonale, e con soluzioni che rendonola Urban adatta anche al trasporto del passeggero.


Pubblicato da Stefano Cordara, 14/11/2007

Vedi anche
Logo MotorBox