Pubblicato il 06/09/20

FUTURO SILENZIOSO Ormai, cari amici appassionati del motore endotermico, dovete farvene una ragione: quando verrà presentata una nuova moto nei prossimi anni, sarà quasi sicuramente elettrica. Ora come ora il segmento delle moto “a batteria” sta crescendo, e sebbene l’offerta sia sempre più ampia e articolata, rimane ancora considerato un settore di nicchia. Almeno, per quanto concerne le vendite. Un altro forte segnale di elettrificazione delle due ruote arriva… dalla Russia.

Aurus Escort

SCORTA... DI BATTERIE Il presidente russo Vladimir Putin ha avviato un programma di modernizzazione del parco veicoli del Governo, in particolar modo quelle auto e moto utilizzate dagli uomini del Presidente per gli spostamenti nei cortei, nelle manifestazioni e nei grandi eventi politici. La riqualificazione è stata lasciata nelle mani di Aurus, un’azienda russa che ha svelato i progetti della “Escort”. Si tratta di un’imponente moto che, a prima vista, sembra pronta per un grande viaggio. In realtà, servirà alla scorta del Presidente russo. Esteticamente la moto presenta un’ampia carena che copre il pacco batterie, mentre spiccano le ampie borse laterali e il parabrezza (teoricamente) regolabile. Sono pochissimi i dati tecnici diffusi: la potenza è di 150 CV (112 kW) e la velocità massima è di 240 km/h. La Aurus Escort non arriverà prima del 2022.


TAGS: moto elettriche russia vladimir putin Aurus Escort