Autore:
Giorgio Sala
Pubblicato il 19/03/2020 ore 11:00

QUARTO EPISODIO Dopo aver aperto le porte del suo ''bunker segreto'' e aver raccontato di più sulla sua vita privata e sportiva, Valentino Rossi ha passato a rassegna le tute Dainese più belle e più importanti della sua carriera nel Motomondiale iniziata a fine anni '90. Questa volta è tempo di caschi, e quando si parla degli AGV del Dottore automaticamente ci compare nella mente la grafica ''Sole Luna'' adottata nel 1996. Nel corso delle stagioni il disegno è cambiato, diventando sempre più ''stilizzato'', ma in tantissime occasioni Rossi ci ha deliziato con alcuni dei caschi più particolari e affascinanti nella storia moderna del Motomondiale. 

Il casco AGV di Valentino Rossi con la Yamaha M1 nel 2004

TESTA A TESTA Tra quelli più importanti per Valentino Rossi c'è indubbiamente il primo, quello del '96, che utilizzò nella stagione d'esordio del Motomondiale, ma anche quello del 2001 con la vittoria del Titolo Iridato nella 500, il primo nella Classe Regina. L'anno dopo si è passati a una nuova generazione di caschi AGV, ovvero quella del Ti Tech che ha accompagnato le vittorie in MotoGP nel 2003, 2004 e 2005: per Rossi è il casco ''più vittorioso'' della sua carriera, tant'è che l'attuale AGV Pista RR riprende molto quella grafica. Tra i preferiti del pilota di Tavullia c'è anche l'AGV GP Tech con grafica ''Five Continents'' del 2008, anno in cui vinse l'ottavo Mondiale. Spazio anche a quello celebrativo del 9° Titolo del 2009 intitolato ''Gallina vecchia fa buon brodo'', a cui si aggiunge il commento di Rossi: ''ero già vecchio all'epoca quando vinsi il nono Mondiale... pensa adesso!''. La rassegna continua e si passa al 2012 quando arrivò l'AGV Pista, un progetto da cui si sono susseguiti diverse evoluzioni di un progetto decisamente valido e performante. Ma non vogliamo raccontarvi troppo... potete gustarvi il video che trovate in questo articolo!


TAGS: motomondiale video motogp valentino rossi caschi agv