Pubblicato il 19/09/20

LA SAI L'ULTIMA? Quando parliamo di due ruote, lo facciamo sempre in modo serio. Quasi, sempre. Oggi, infatti, abbiamo deciso di dare libero sfogo al comico che è in noi. Sempre di moto si parla... ma per ridere. Oggi vanno i cosiddetti ''meme'', quelli da scambiarsi su Whats App. Ma vuoi mettere la cara, vecchia barzelletta, una di quelle classiche? Abbiamo selezionato alcune delle più simpatiche a tema motociclistico: non vuoi mai che ciò che serve, ora, sia proprio una bella risata. Naturalmente, ogni barzelletta non va soltanto letta, va anche condivisa: il nostro consiglio è quello di impararle e recitarle a parenti e amici. Siamo certi che qualche sorriso lo strapperete. Buona lettura!

IL MOTOCICLISTA ALL'OSPEDALE

Un uomo ha un incidente e viene portato all'ospedale.
Si trova in un letto in corsia con un braccio ed una gamba ingessati e il suo vicino di letto, un carabiniere ingessato dalla testa ai piedi, gli chiede:
- “Che cosa ti è successo?”
- “Ero in moto la notte scorsa. Mentre andavo ho visto un faro venire verso di me e, pensando che fosse una motocicletta, ho sorpassato la macchina che era davanti a me. Ma quell'altra che veniva incontro era una macchina con un faro rotto! Tu invece?”
- “Io sono un militare motociclista. La settimana scorsa ero in pattuglia di notte e mentre proseguivo a discreta velocità mi sono visto venire incontro due fari. Pensando che fossero due moto sono passato nel mezzo...!”.

Il saluto tra motociclisti

MOTO E... VASELINA

Gigi è appassionato di motociclette e vuole comprarne una. Spulcia diversi annunci online e finalmente ne trova uno interessante; si reca dal venditore per vedere la moto di persona, che trova in condizioni perfette: il motore è a posto, le cromature sono brillanti... 
''Ho un segreto!'' - spiega il vecchio proprietario - ''È sufficiente ungere con della vaselina le parti cromate quando piove: la moto resterà così perfetta!''. 
Gigi decide di comprare la moto e se ne torna felice a casa. La sera stessa ha appuntamento con la sua fidanzata per cena: si tratta della prima cena con lei e con i suoi genitori a casa loro.
Gigi decide di usare subito la sua nuova motocicletta.
Arrivato a casa della ragazza lei lo accoglie sulla porta e gli dice: ''Non stupirti se a tavola nessuno parlerà. Nella mia famiglia è usanza che il primo che parla lavi poi i piatti''.
Gigi entra e vede pile di piatti sporchi dappertutto: in cucina, in salotto, in bagno...
Si siede a tavola, dove oltre alla sua fidanzata ci sono i genitori e la zia di lei.
La cena comincia e nessuno parla.
Arrivati al secondo, Gigi adocchia la sua ragazza e pensa: 'Che strani, ora però voglio proprio vedere se non dicono niente...''. 
Prende energicamente la ragazza, la spoglia, la corica sul tavolo e comincia a fare l'amore con lei.
Nessuno dice niente.
Gigi è esterrefatto.
Adocchia allora la giovane zia e pensa: 'Voglio proprio vedere se nessuno dirà niente...''. 
Prende energicamente la zia, la spoglia, la mette sul tavolo e comincia a fare l'amore anche con lei.
Nessuno apre bocca.
Gigi è sempre più basito.
Dà un'occhiata alla madre, donna matura ma ancora attraente.
La prende, la stende sul tavolo, e... come con la fidanzata e la zia.
Nessuno proferisce parola.
Mentre prendono il caffè, in un silenzio sempre più imbarazzante, Gigi sente un tuono, guarda fuori dalla finestra e vede che piove. Ricordandosi della sua nuova moto e del consiglio che gli aveva dato il vecchio proprietario, tira fuori il tubetto di vaselina.
In quel momento il padre della ragazza, che vede il tubetto in mano a Gigi, non si trattiene: ''Va bene! Basta! Lavo io i piatti!''

IL MOTOCICLISTA E IL PASSEROTTO

Un motociclista sta percorrendo un tratto di autostrada a folle velocità a bordo della sua potentissima moto.
A un certo punto da lontano vede che un passerotto sta venendo contro di lui: sono proprio in rotta di collisione.
Il motociclista comincia a rallentare, sperando di evitarlo; anche il passerotto, accortosi del pericolo imminente, fa di tutto per schivare il motociclista. Ma questi è troppo veloce e l'impatto tra i due avviene.
Il passerotto cade a terra, tramortito e piuttosto malconcio; allora il motociclista si impietosisce, si ferma e raccoglie il povero passerotto, con l'intenzione di portarlo a casa per curarlo.
Arrivato a casa il motociclista mette il passerotto in una gabbietta, dove sistema per lui anche una ciotolina con l'acqua e un piattino con alcune briciole di pane.
Giunta la sera, il motociclista va a dormire, sperando che il passerotto si riprenda.
Passa la notte e al mattino presto il passerotto, ancora un po' stordito, apre gli occhi e si guarda intorno...
Vede le sbarre... la ciotolina con l'acqua... le briciole di pane... ed esclama: ''Porca miseria! Ho ammazzato il motociclista!''

IL MOTOCICLISTA E IL POLIZIOTTO

Un poliziotto novellino ferma una moto per eccesso di velocità e tra i due inizia un dialogo:

- ''Favorisca la patente!''
- ''Non ce l'ho! Me l'hanno sospesa per guida in stato d'ebrezza''
- ''Mi fa vedere il libretto di proprietà di questo mezzo?''
- ''Non è mio. L'ho rubato!''
- ''La motocicletta è rubata?!''
- ''Già. Ma ora che ci penso, mi sembra d'averne visto uno mentre infilavo la mia pistola nella borsa degli attrezzi!''
- ''C'è una pistola nella borsa degli attrezzi?''
- ''Sissignore, sì! È lì che l'ho messa dopo aver ucciso il proprietario e avergli rubato la droga e la moto...''
- ''C'è anche della droga nella moto?!''
- ''Sissignore!''


Dopo aver sentito anche questo, il novellino decide di chiamare il suo capo ispettore...
Il motociclista viene immediatamente circondato dalla Polizia, ed l'ispettore inizia ad interrogare il motociclista 

- ''Signore, potrei veder la sua patente per cortesia?''
- ''Certamente. Eccola!''
(La patente è valida)
- ''Di chi è questa motocicletta?''
- ''È mia ispettore! Ecco il libretto!''
(La moto è effettivamente sua).
- ''Mi apre lentamente la borsa degli attrezzi così vedo se c'è una pistola dentro?''
- ''Sissignore, ma non c'è nessuna pistola lì dentro!''
(In effetti non c'è alcuna pistola)
- ''Mi apre anche le valigie? Mi è stato detto che c'è della droga...''
- ''Non c'è problema, ispettore''
(nelle valigie non c'è traccia di droga)
- ''Non capisco! Il poliziotto che l'ha fermata ha detto che lei non aveva una patente, aveva rubato la motocicletta, aveva una pistola nella borsa degli attrezzi e della droga nelle valigie...''
- ''Seeeeeee.... E scommetto che le ha anche raccontato che andavo troppo forte!''

Il motociclista e il poliziotto

MOTOCICLISTI: IL PESSIMISTA E L'OTTIMISTA

Un contadino ha due gemelli di 20 anni, entrambi appassionati di moto, uno pessimista e l'altro ottimista. Il giorno del loro compleanno il padre regala al figlio pessimista una moto stupenda e dice al figlio ''Mio caro, per il tuo compleanno eccoti una moto!'' E il figlio pessimista risponde ''Noo! E se poi me la rubano? E se faccio un incidente? E se la graffio?'' Il padre, deluso, va dal figlio ottimista e gli dà il suo regalo: una montagna di letame. Il figlio ottimista appena vede la montagna di escrementi ci si tuffa dentro e esclama ''Prima o poi la moto la trovo!''.

MOTO E CARABINIERI

Un tizio con una vecchia moto tutta rotta viene fermato dai Carabinieri:

''Documenti...''
''Non li ho!''
''Il casco?'' 
''Non ce l'ho!'' 
''Lo specchietto retrovisore?''
''Non ce l'ho!''
'La targa?''
''Non ce l'ho!''
''Allora, riepilogando: lei è senza documenti, senza casco, senza specchietto e senza targa. E ora come la mettiamo?''
''Appoggiata al muro, che non c'ha neanche il cavalletto''.

 

IL MOTORINO DEL CONTADINO

Un contadino sardo va per una strada di campagna col suo fido ma vecchissimo motorino e nota un camion carico di meloni finito nel fosso a lato. Il contadino si ferma e chiede al camionista:

''Ehilà, che è successo?''
''Sono uscito di strada e non riesco a riportare il camion in carreggiata. Per favore, vada al paese più vicino e chieda aiuto''
''Non è necessario - risponde il contadino - ho con me una corda, agganciamo il camion al motorino e lo tiriamo fuori''
''Ma che dice?''
''Su, coraggio, proviamo!''


Così fanno: agganciano il camion al motorino, il camionista sale, vede il contadino dare gas, una enorme nube nera esce dal motorino, impedendogli la visuale, ma il camionista sente un violento strattone e in pochi secondi si ritrova col camion in strada. Impressionato, esclama:

''Incredibile! Quando racconterò che un ciclomotore ha tirato fuori da un fosso un camion carico di meloni, nessuno mi crederà''
''Eh
- risponde il contadino - quando lo racconterò io, che sono rimasto senza miscela e ho dovuto tirarlo fuori a pedali...''.

Scegli: o me o la moto!

I SOLDI PER LA MOTO... SI TROVANO SEMPRE

Toni è fidanzato da anni con Santuzza, ma non la sposa adducendo come scusa il poco denaro. Va spesso a casa sua, ma lei non vuole concedersi prima delle nozze su consiglio della madre: ''Se cedi alle sue richieste non ti sposerà mai''. Toni non riesce a far fronte a questo periodo di digiuno finchè un giorno, mentre si trova sull'aia della sua azienda agricola, vede una bella capra che pascola tranquilla. Allora le va dietro, si slaccia i pantaloni e... fa sua la capra! Questa, sentendo il suo padrone dietro stringe a più non posso, e inizia a correre con Toni che urla dal dolore per la stretta inaspettata. Toni si aggrappa alle corna e con un urlo si fa trascinare dalla capra. Questa correndo va verso la casa di Santuzza, la fidanzata di Toni. La suocera udendo le urla sbircia dalla finestra e vede una cosa bassa che corre alzando un polverone, riconosce Toni, chiama la figlia e le dice: ''Guarda! I soldi per sposarti non li trova, ma per la moto con i manubri bassi hai visto che li ha trovati?''.


TAGS: moto Barzellette moto