Richiami

Il "caso" Kawasaki Ninja ZX-10R


Avatar Redazionale , il 14/12/10

10 anni fa - Presunti problemi ritarderebbero la consegna della Kawasaki Ninja ZX-10R. Ecco i fatti.

La maxi sportiva di Akashi sta creando fermento nella rete non solo per le sue prestazioni ma anche per i presunti problemi che ne ritarderebbero la consegna. Cerchiamo di analizzare i fatti.

RUMORS Sono due giorni che in rete c’è molto rumore attorno alla nuova Kawasaki Ninja ZX-10R. Tutto è partito dagli Stati Uniti, quando il sito Hell for Leather, con una mossa degna di Wikileaks, ha pubblicato un documento di Kawasaki USA dove si avvisavano i clienti del ritiro delle moto a causa di un problema non precisato. E’ stato sufficiente questo per scatenare l’inferno nel web. La notizia è rimbalzata incontrollata in tutta la rete e la cosa ci fa tornare alla memoria il caso Aprilia RSV4, di cui si era detto di tutto e di più senza avere alcuna conoscenza in merito. La capacità innata della rete di amplificare qualsiasi notizia è infatti nota, creando anche dei veri e propri “casi” sul nulla o quasi. Cerchiamo quindi, come è accaduto in occasione del “caso Aprilia”, di analizzare freddamente le cose cercando di chiarire alcuni aspetti della vicenda e di restare quanto più possibili aderenti ai fatti, in modo che tutti, poi, possano farsi delle opinioni.

IL FATTO Kawasaki USA ha emesso un documento ufficiale (che riportiamo più sotto in lingua originale per evitare traduzioni errate) nel quale si dice che c’è una “pausa tecnica” nella produzione della Kawasaki Ninja ZX-10R. La consegna delle moto subirà un ritardo mentre le moto arrivate dai concessionari USA saranno ritirate e quelle (pochissime in verità, pare meno di 20) già consegnate ai clienti dovranno essere riconsegnate al concessionario che rimborserà il 100% dell’importo pagato al proprietario, con l’opzione di riacquistare la moto appena arriverà definitvamente sul mercato. La cosa sembra non riguardare le moto dei team che invece stanno da tempo girando per le piste del mondo.

LE CONSEGUENZE Sta di fatto che le acque si agitano anche in Europa, dove c’è chi riprende il comunicato americano parlando di richiami. Ora, in Europa di richiami non si può certo parlare visto che le Ninja non sono nemmeno arrivate dai concessionari. La cosa quindi non ci riguarda direttamente, se non nel fatto che le consegne subiranno un ritardo e che le moto che arriveranno sul mercato saranno già esenti dal “problema americano”. Non è nemmeno sicuro che il problema riguardi anche i modelli europei visto che le moto USA richiamate hanno specifiche tecniche differenti per soddisfare le normative americane (infatti le moto USA sono anche meno potenti). Nel comunicato ufficiale Kawasaki Europa (che riportiamo in calce) la posizione è che “le consegne subiranno un ritardo, i nuovi tempi di consegna saranno comunicati appena possibile”.

VEDI ANCHE



LA SCELTA GIUSTA? La notizia è quasi una non-notizia ma tant’è, in un momento in cui c’è poco da scrivere è diventato una specie di caso. Riprendo quindi pari pari quello che scrissi in occasione del problema alle bielle della RSV4, che anche in questo caso calza a pennello: "Sta quindi alla sensibilità e all'etica del giornalista e/o della testata la decisione sull'eventualità e sul modo di dare la notizia ai propri lettori. Cosa fare? Cercare il sensazionalismo a tutti i costi sparando la notizia senza dare spiegazioni o dando spiegazioni affrettate rischiando di minare l'immagine di un qualsiasi prodotto senza un motivo valido? Oppure tacere su tutto, visto che il problema è circoscritto a pochi esemplari richiamati, rischiando di passare per giornalisti al soldo delle Case?".

IL COMMENTO Dal canto nostro riteniamo che il lettore abbia il diritto di avere accesso a tutte le informazioni e notizie circolanti, ma anche che queste siano date in modo corretto e siano quanto più possibile aderenti ai fatti. L’utente finale deve essere informato, non allarmato, per questo, per dovere di informazione, anche se non abbiamo la possibilità di "guardare" all'interno del problema, abbiamo ritenuto di dare la notizia. I ritardi nella commercializzazione di un modello a causa di aggiustamenti tecnici non sono certo una novità, né nel campo moto né tantomeno nel campo auto. Recentissimo il Caso Aprilia (risolto brillantemente) ma andando indietro nel tempo se ne contano a decine in ogni settore.

L'ALTRA FACCIA DEI RICHIAMI Spesso queste problematiche restano all’interno delle aziende, che risolvono in Casa la questione (ad esempio a causa di un fornitore che non rispetta le specifiche) senza che nessuno lo sappia, ritardando semplicemente l’arrivo di un modello sul mercato rispetto alla data prevista. Questa volta il problema è stato “preso per i capelli” quando alcune moto USA erano già in rete. In ogni caso, un richiamo va sempre inteso come un atto di serietà di una Casa e non come un segno di debolezza.

11 Dicembre 2010
Il documento rilasciato da Kawasaki USA

“Kawasaki Motors Corp., U.S.A. is placing a technical hold on the 2011 Ninja® ZX™-10R sportbike. The company is proactively addressing a remedy which reflects Kawasaki’s commitment to excellence and its relationships with its highly valued customers and dealer network.
The following actions are being initiated through the Kawasaki dealer network:
Unsold units will be returned to KMC warehouses. The units will be redistributed once Kawasaki is 100 percent confident they reflect company standards for this highly technical, race-bred machine.

Those who have taken delivery of a unit will be instructed to return the unit to the dealership for a full refund and will be among the first to have the option of receiving a new unit once the technical hold has been lifted.”

14 Dicembre 2010
Ore 16:00 Comunicato ufficiale di Kawasaki Europe

"Kawasaki riprogramma l’arrivo sul mercato della Ninja ZX-10R
HOOFDDORP, 14 dicembre 2010 - Successivamente alla recente Presentazione Stampa svoltasi con successo in Qatar, l'introduzione sul mercato del modello Kawasaki Ninja ZX-10R 2011 è stata riprogrammata per consentire di risolvere una questione tecnica.
Al fine di mantenere la buona reputazione su prodotti di alta ingegneria maturata da Kawasaki nel corso degli anni, l'inizio delle vendite del nuovo modello è stato temporaneamente posticipato.

Kawasaki informerà a breve la nuova tempistica di vendita".


Pubblicato da Stefano Cordara, 14/12/2010
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox