Scuola guida

Come si guida in una rotatoria? Il video che lo spiega


Avatar di Emanuele Colombo , il 20/02/21

6 mesi fa - Affrontare le rotatorie: precedenze, corsie, indicatori di direzione

Due automobilisti su tre hanno difficoltà con le rotatorie, dice uno studio. Ecco le regole per affrontarle in sicurezza (video)

ROTATORIE, QUESTE SCONOSCIUTE Lo dice uno studio Axa condotto in Spagna, due conducenti su tre non saprebbero come affrontare una rotonda in modo sicuro. In particolare le domande si concentrano su tre fattori: chi ha la precedenza, in quale corsia bisogna circolare e come si usano gli indicatori di direzione. Di seguito ricapitoliamo ciò che viene spiegato nelle scuole guida: chi non ha voglia di leggere, trova tutte le spiegazioni, in breve, nel video in fondo all'articolo.

Rotatorie: rallentate prima di entrarvi Rotatorie: rallentate prima di entrarvi

PRECEDENZA

Le rotonde, o più correttamente rotatorie, vanno affrontate con prudenza, visto che secondo la ricerca di Axa il 54% degli incidenti avviene al momento di entrarvi. Prima, dunque, è opportuno ridurre la velocità per potersi fermare nel caso altri veicoli la stiano già impegnando. Già, perché la precedenza - salvo diversamente segnalato da apposita segnaletica - è di chi viaggia in rotatoria, non di chi vi deve accedere: anche se proveniente da destra.

Rotatoria: la precedenza è di chi l'ha già impegnata, non di chi entra Rotatoria: la precedenza è di chi l'ha già impegnata, non di chi entra

SCELTA DELLA CORSIA

Attraversare le corsie mentre si circola in rotonda è un elemento di rischio, quindi una buona norma è cercare di evitare il più possibile di incrociare la propria traiettoria con quella di altre auto. Ecco perché, nel caso di rotonde a più corsie, è raccomandabile circolare nella corsia più esterna nel caso si debba abbandonarla alla prima uscita; sfruttare la corsia immediatamente più interna se si intende prendere la seconda uscita per proseguire dritti e ricorrere alla corsia più interna solo in caso di svolte a sinistra o per ritornare dalla strada da cui si è arrivati.

VEDI ANCHE



Rotatorie, se prenderete la prima uscita, impegnate la corsia più a destra Rotatorie, se prenderete la prima uscita, impegnate la corsia più a destra

INDICATORI DI DIREZIONE

Cruciale, all'ingresso, all'uscita e nei cambi di corsia in rotonda, un uso corretto degli indicatori di direzione, che dia modo agli altri automobilisti di prevenire i nostri spostamenti. All'ingresso in rotonda, è bene azionare l'indicatore di direzione sinistro se, e solo se, si intende impegnare la corsia di sinistra, quella più interna, per effettuare una svolta a sinistra o invertire la rotta. La segnalazione luminosa andrà mantenuta finché si vuole mantenere tale corsia. L'indicatore di destra andrà azionato con congruo anticipo per segnalare l'intenzione di uscire dalla rotatoria, con o senza cambio di corsia. Attenzione, l'auto che circola all'esterno ha sempre la precedenza. Se al momento di cambiare corsia, questa è occupata, non perdete la calma e fate un altro giro, se tempo e spazio non sono sufficienti a manovrare in sicurezza.

Rotatorie: usate l'indicatore di direzione per segnalare l'uscita con congruo anticipo Rotatorie: usate l'indicatore di direzione per segnalare l'uscita con congruo anticipo

QUALCHE CURIOSITÀ SULLE ROTATORIE

Il principale vantaggio delle rotatorie, spiegano gli urbanisti, è che si autoregolano, riducendo al minimo i tempi in cui i veicoli restano fermi. Ma perché una rotatoria svolga la propria funzione in modo più efficiente di un semaforo è necessario che abbia un diametro proporzionato ai flussi di traffico che deve smaltire (ci sono regole precise in proposito). E non tutte sono costruite a regola d'arte.

LA PIÙ GRANDE A proposito di dimensioni, la rotatoria più grande del mondo si trova  Kuala Lumpur, in Malesia. La rotonda di Putrajaya occupa un’area di 4.500 metri quadrati al cui interno si trovano addirittura tre edifici: un hotel 5 stelle, la residenza secondaria del Presidente del Paese e i giardini botanici di Perdana.

DOPPIA, PER I PEDONI Le rotatorie diventano inefficienti se il passaggio dei pedoni interferisce con il transito dei veicoli in ingresso e in uscita. Per questo motivo la rotonda di Lujiazui, a Shanghai (China), prevede anche un anello pedonale sopraelevato che collega la stazione più vicina della metropolitana ai principali grattacieli e ai luoghi di interesse della zona.

LA PIÙ ANTICA La Francia è il Paese con più rotonde al mondo, una ogni 21 km. Proprio qui si trova la più antica, che è quella dell’Arco di Trionfo di Parigi, in cui confluiscono 12 viali. Per questa ragione è anche famosa per l’alto numero di incidenti e ai neopatentati non è consentito circolarvi.

LA PIÙ INTRICATA La palma di rotatoria più complessa spetta però alla cosiddetta Magic Roundabout di Swindon, nel Regno Unito. Perché non si tratta di un'unica pista circolare, ma di un elaborato percorso formato da 7 diverse rotatorie: ciascuna caratterizzata da una circolazione differente. Complicatissima!

AVETE ALTRI DUBBI? Qui i consigli per guidare sicuri con il gelo e i qualche riflessione se dovete cambiare l'auto.


Pubblicato da Emanuele Colombo, 20/02/2021

Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox