Autore:
Daniele Zeri

QUANDO Tutto è pronto ormai per l'ultimo atteso round della W-Series, l'inaugurale edizione del campionato femminile. Oggi in programma le due sessioni di libere, mentre domani (domenica 11) si inizierà a fare sul serio già in mattinata con le qualifiche che scatteranno alle 11:30 italiane. Nonostante le previsioni di meteo instabile, è previsto il pubblico delle grandi occasioni infine per la gara: la bandiera verde sventolerà alle ore 17:10 italiane, nel quale al termine dei 30 minuti + 1 giro verrà assegnato il primo titolo. Entrambe le sessioni di domenica saranno visibili in Italia sulla piattaforma streaming Eleven Sports.

DOVE Le 18 Tatuus T318 si sfideranno sul leggendario tracciato inglese di Brands Hatch, uno dei più iconici della storia del motorsport. Qui vennero infatti ospitati svariati GP inglesi di Formula 1 tra il 1964 e il 1986 (alternandosi negli anni dispari con Silverstone), più due GP d'Europa. Molte delle curve di questo tracciato sono infatti rimaste impresse nella memoria degli appassionati come pochi circuiti hanno saputo fare; tra di esse sicuramente la mitica e temuta "Paddock Hill Bend", in un certo senso la "Eau Rouge" britannica. Scordiamoci le asettiche curve numerate come di recente tradizione: qui ogni piega del nastro d'asfalto porta con se un pezzo di storia d'automobilismo. Anche le tribune portano nomi importanti (e profetici): sul breve rettilineo centrale si erge infatti la tribuna dedicata a Desiré Wilson, l'unica donna ad aver vinto su una vettura di Formula 1 (in una gara non valevole per il campionato mondiale) nel 1980, proprio a Brands Hatch.

LA LOTTA PER IL TITOLO Addentriamoci dunque nelle combinazioni matematiche che assegneranno il titolo domenica. La leader del campionato e development driver della Williams F1 Jamie Chadwick arriva all'appuntamento di casa con 13 punti di vantaggio sull'amica-rivale, l'olandese Beitske Visser. La Chadwick torna inoltre sul tracciato amico del Kent britannico dopo aver vinto qui per la prima volta una gara della Formula 3 inglese nel 2018. La ventunenne si aggiudicherà l'ambito titolo (e il montepremi da 500,000$) se:
- Chadwick finisce davanti a Visser;
- Chadwick finisce sul podio;
- Visser finisce fuori dal podio.
L'olandese d'altro canto, avrà la chance di impadronirsi del trofeo della vincitrice di fronte al pubblico inglese se:
- Visser vince e Chadwick è fuori dal podio;
- Visser finisce seconda e Chadwick non va oltre l'ottavo posto;
- Visser finisce terza e Chadwick non va oltre il decimo posto.

L'AMBITA TOP-12 Alla vigilia dell'ultimo appuntamento, sette pilote hanno già conquistato la certezza matematica della top-12 che le garantirà l'accesso automatico all'edizione del 2020. Si tratta di Jamie Chadwick, Beitske Visser, Marta Garcia, Alice Powell, Fabienne Wohlwend, Emma Kimilainen e Miki Koyama. Sarà lotta serrata per le restanti 5 piazze, tra cui anche l'italiana Vicky Piria ancora in piena corsa.
Per l'occasione, verrà concesso di prendere parte alla gara anche alle due pilote di riserva, la belga Sarah Bovy e la diciottenne ungherese Vivien Keszthelyi.

LE AMICHE-RIVALI "Ho guidato il campionato sin dalla prima gara ad Hockenheim e non ho nessuna intenzione di lasciare la leadership proprio ora" - ha commentato una determinata Jamie Chadwick. "So che non sarà facile e che Beitske farà di tutto per battermi. Siamo davvero molto amiche ma è anche la mia più grande rivale. Alla fine tutto ciò che conta per me è vincere questo titolo". La Visser ha rilanciato: "Siamo solo io e Jamie per il titolo e tutto ciò che posso fare è spingere al massimo per la vittoria, sperando in un po' di fortuna. Andiamo molto d'accordo, ma in pista è un'avversaria qualunque da battere.".


TAGS: W Series Vicky Piria W-Series WSeries W Series Brands Hatch Jamie Chadwick Beitske Visser