Pubblicato il 23/06/20

REAZIONE AL RAZZISMO Dopo il vergognoso gesto intimidatorio a sfondo razzista nei confronti di Bubba Wallace, la Nascar è regolarmente ripartita con la gara di lunedì presso il Talladega Superspeedway. Il campionato si è stretto attorno al suo pilota, con diverse manifestazioni di solidarietà nei suoi confronti. In particolare, la vettura di Wallace è stata spinta dai colleghi e portata in cima alla griglia di partenza, mentre sul prato vicino alla pista capeggiava la scritta ''Io sto con Bubba''.

WALLACE ORGOGLIOSO La gara è poi stata vinta al photofinish da Ryan Blaney su Ricky Stenhouse, mentre Wallace ha concluso al quattordicesimo posto. Intervistato da Fox Sports al termine della competizione, il pilota di colore ha dichiarato: ''Questa potrebbe essere stata la gara più dura per me. È stato difficile e sembrava quasi un inferno. Lo porti con te per un intero weekend, ma sono orgoglioso di dove mi trovo. Lo sport sta cambiando e sono orgoglioso di questo. Mi dispiace che non sto indossando la mascherina ora, ma volevo mostrare a chiunque abbia fatto questo che non mi porterà mai via il sorriso. Continuerò sempre. Dai piloti, dai team e dai fan ho ricevuto molto sostegno e sono molto orgoglioso di ciò''.

LA SOLIDARIETA' DI HAMILTON La vicenda ha ovviamente colpito molto anche Lewis Hamilton, molto attivo nelle ultime settimane a favore del movimento Black Lives Matter. Il pilota della Mercedes ha riportato sui suoi social il messaggio di Wallace, aggiungendo: ''È disgustoso che questo sia successo. Rimani al sicuro e fai attenzione là fuori fratello. Ti sostengo da distante, orgoglioso di te''.


TAGS: nascar Bubba Wallace