Pubblicato il 06/07/20

RITORNO A DAYTONA La serie endurance nord-americana IMSA Weathertech Sportscar Championship ritorna in pista dopo l'epidemia di Coronavirus e lo fa con un calendario inedito che ha visto una seconda gara, questa volta sprint, a Daytona dove lo scorso gennaio si disputò come da tradizione la classica 24 ore. Nella gara disputatasi nella serata di sabato la Mazda ha fatto la voce grossa, forte di un impegno rivisto per il proprio programma sportivo. Di recente il marchio giapponese ha tolto la gestione delle proprie vetture al team tedesco Joest Racing (ex ufficiale per Audi LMP1, ndr) per darlo alla Multimatic che ha costruito le vetture, estendendo i contratti ai propri piloti factory - in controtendenza vista la crisi generalizzata.

MONTOYA IN POLE Ci aveva provato il colombiano a mettersi davanti a tutti con l'Acura del team Penske, ma dopo cinquanta minuti in cui è stato tallonato dalle due vetture ha dovuto arrendersi. Ci ha provato anche la Dallara-Cadillac dell'Action express ad impensierire la marcia delle due Mazda, ma la vittoria di Daytona non è stata bissata questo week end dalla vettura italiana. Sul traguardo Harry Tincknell e Johnathan Bomarito hanno preceduto di dieci secondi la vettura gemella guidata da Oliver Jarvis e Tristan Nunez. Terza piazza per la Cadillac di Joao Barbosa e Sebastien Bourdais del team JCD-Miller. Da segnalare che sulla seconda vettura, quinta al traguardo, Felipe Nasr è stato sostituito all'ultimo minuto da Gabby Chaves essendo risultato positivo al coronavirus.

corvette c8r imsa 2020

100ESIMA VITTORIA CORVETTE A vincere la classe GT Le Mans è stata la Corvette di Antonio Garcia e Jordan Taylor. Imponendosi nella corsa sprint, i due hanno posto fine ad un'attesa che durava da due anni. Il successo del marchio americano, il primo con la nuova C8R, è il 100° nelle gare endurance d'oltreoceano per la casa di Detroit. I due hanno tenuto alle loro spalle le due Porsche 911 di Earl Bamber e Laurens Vanthoor, e di Nick Tandy con Frederic Makowiecki. Giù dal podio la prima BMW nonostante la breve parentesi al comando.

lexus rcf gt3 daytona

DOMINIO LEXUS IN GT3 Nella classe GT Daytona la Lexus ha fatto la voce grossa. Il marchio asiatico ha segnato la sua prima doppietta vincendo la categoria con la vettura di Jack Hawksworth e Aaron Telitz. Un giro più indietro la seconda vettura del team Vasser Sullivan guidata da Frankie Montecalvo e Townsend Bell. A seguire le due Acura NSX tallonate dalla Ferrari di Scuderia Corsa. E' durata poco la pole della nuova McLaren del team Compass. Partita dalla pit lane, la vettura inglese al debutto nell'endurance nord-americano ha dovuto scontare un drive-through incappando poi in un testacoda.

Daytona, Gara (top 5 di classe)

Pos Classe Equipaggio Vettura/team Gap
1 DPi Bomarito/Tincknell Riley/Mazda Team Multimatic 95 giri
2 DPi Jarvis/Nunez Riley/Mazda Team Multimatic 10.168
3 DPi Barbosa/Bourdais Dallara/Cadillac Team JDC-Miller 15.378
4 DPi Cameron/Montoya Oreca/Acura Team Penske 27.335
5 DPi Derani/Chaves Dallara/Cadillac Team Action Express 31.275
8 GTLM Garcia/Taylor Corvette C8 R Team Pratt&Miller 5 giri
9 GTLM Bamber/Vanthoor Porsche 911 Team CORE Autosport 5 giri
10 GTLM Tandy/Makowiecki Porsche 911 Team CORE Autosport 5 giri
11 GTLM Spengler/De Philippi BMW M8 Team Rahal/Lettermann 5 giri
12 GTLM Gavin/Milner Corvette C8 R Team Pratt&Miller 6 giri
14 GTD Telitz/Hawksworth Lexus RCF Team Vasser Sullivan 8 giri
15 GTD Montecalvo/Bell Lexus RCF Team Vasser Sullivan 9 giri
16 GTD Farnbacher/McMurry Acura NSX Team Michael Shank 9 giri
17 GTD Parente/Goikhberg Acura NSX Team Michael Shank 9 giri
18 GTD MacNeil/Vilander Ferrari 488 Scuderia Corsa 9 giri

TAGS: mazda lexus corvette acura daytona IMSA