Autore:
Simone Dellisanti

TROPPO INDIETRO Il mondiale di Formula E 2019, la competizione 100% elettrica era iniziata bene per il team DS Techeetah: secondo e terzo posto in Arabia Saudita e quinto e sesto posto in Marocco. Non benissimo, certo. Ma le DS color oro hanno sempre dato prova di poter combattere per le posizioni di vertice nelle prime due manche del Campionato. Il problema è stato sabato, in Cile. All’E-Prix di Santiago la DS ha dovuto assistere all'abbandono di Jean-Éric Vergne e al tredicesimo posto di André Lotterer, al termine di una gara piena di colpi di scena ma scevra di emozioni per il team che ha come simbolo il giaguaro.

VOGLIA DI RIVINCITA Solo quattordici monoposto sono riuscite a portare a termine l’E-Prix di Santiago, disputato con un caldo record di 37°C. Dopo una partenza dalla dodicesima e quattordicesimo fila, Jean-Éric Vergne e André Lotterer si sono trovati in buona posizione per andare a punti ma sfortunatamente la gara di Jean-Éric Vergne si è conclusa prima del tempo a causa dei danni occorsi alla sua monoposto dopo alcuni tamponamenti con i suoi avversari, e André Lotterer, a causa di problemi tecnici, è sceso dalla top 10 alla tredicesima posizione. Una giornata da dimenticare, frustante, per il team DS che ora deve trasformare la rabbia in voglia di rivalsa in vista del prossimo Gran Premio che si disputerà in Messico.


TAGS: ds techeetah eprix del cile 2019