Pubblicato il 23/04/21

FATTORE DETERMINANTE Nei due gran premi che hanno aperto la stagione 2021 è emerso ancora una volta il problema dei limiti della pista, sia in qualifica sia in gara. Dai tempi cancellati nelle prove del sabato a Imola, alla confusione sull'utilizzo della parte esterna di curva 4 nel corso del GP Bahrain, la competizione è stata fortemente condizionata da questo problema emerso da quando le vie di fuga hanno pian piano perso la tradizionale ghiaia a favore di una distesa più o meno grande di asfalto. 

LA SOLUZIONE DI SAINZ Già in passato, Carlos Sainz aveva suggerito alla FIA di reintrodurre quanto più possibile zone di erba e ghiaia oltre i cordoli, in modo da rendere impossibile uscire di pista senza perdere tempo. Il pilota della Ferrari ha ribadito il suo pensiero a Caranddriver.com: ''Dobbiamo usare l'uniformità, le stesse regole devono valere in tutte le curve. Non importa se usiamo la linea bianca o altro, deve esserci un limite concreto. Penso che tutti i piloti siano d'accordo su questo. Abbiamo bisogno di limiti naturali, l'erba o la ghiaia funzionano molto meglio. Se i piloti si spingono deliberatamente oltre, questi limiti invalidano immediatamenten i tempi''.


TAGS: sainz f1 track limits