Autore:
Salvo Sardina
Pubblicato il 13/02/2020 ore 18:10

NUMERI RECORD Peugeot ha presentato nei giorni scorsi i propri programmi per la stagione 2020. Un’annata importante, che vedrà al debutto anche in Italia – l’appuntamento è con la categoria due ruote motrici del Cir, con l’attesissimo ritorno di Paolo Andreucci navigato dalla fidata compagna Anna Andreussi – la Peugeot 208 Rally 4. E in cui il trofeo monomarca più affollato e apprezzato del panorama rallistico nazionale, il Peugeot Competition, spegnerà ben quarantuno candeline. Un’occasione da non perdere per aggiornare e addirittura arricchire l’offerta, considerando che le auto da corsa del Leone sono il 34% del totale (oltre il 45% se pensiamo anche agli altri marchi del gruppo Psa) in Italia e che la 208 R2B è campionessa in carica nel Cir ma anche nelle vendite con quasi 500 esemplari venduti.

Peugeot 208 Rally 4

IL TROFEO Il Peugeot Competition, insomma, ritorna nella sua versione 2020 con una carica di iniziative per i trofeisti – compresa la Motorsport Academy con la partecipazione di Ucci-Ussi come coach d’eccezione – e soprattutto con premi di tutto rispetto: pneumatici Pirelli, iscrizioni gratuite, riconoscimenti in denaro e materiali di consumo per un valore complessivo di oltre 150.000 euro. Come nella scorsa stagione, il monomarca sarà suddiviso in quattro serie: il “208 Rally Cup Top”, il “208 Rally Cup Pro”, il “Regional Rally Club” e il “Raceday Rally Terra”. Anche quest’anno, poi, la categoria principale consentirà ai vincitori (purché under-28) la possibilità di correre l’intera stagione rally 2021 da piloti ufficiali Peugeot Sport Italia.

Giacomo Guglielmini - Peugeot 208 R2B

QUATTRO SERIE La categoria più importante sarà, come detto, la “208 Rally Cup Top”, abbinata alle gare del Campionato Italiano Rally e da questa stagione anche meno costosa considerando che le gare in calendario saranno 5 e non più 6 e che i concorrenti dovranno scegliere solo due delle prime quattro tappe del Cir 2020 (Ciocco, 1000 Miglia, Targa Florio e Roma Capitale), mentre sarà poi obbligatoria la partecipazione al Sanremo, al Due Valli e al Tuscan Rewind. Requisito essenziale sarà poi l’utilizzo della 208 R2B, così come anche nella 208 Rally Cup Pro, limitata soltanto ai rally su asfalto disseminati per il territorio dello Stivale. Parla a una platea ancora più ampia, perché aperto a tutte le Peugeot da competizione, il “Regional Rally Club”, legato ai 50 rally nazionali valevoli per le Coppe di Zona Aci Sport e che culminerà nel Rally di Como con il confronto diretto con i vincitori di tutte le altre categorie. Infine, da non dimenticare il “Raceday Rally Terra”, dedicato a tutti gli amanti dello sterrato possessori di Peugeot da rally riconosciute da Aci Sport.


TAGS: rally peugeot competition CIR 2020