La tecnica dietro gli Assetti Lotus: parla Gavan Kershaw
Tecnica

La ricetta di Lotus per assetti perfetti


Avatar di Emanuele Colombo , il 24/12/21

4 settimane fa - La scuola di pensiero Lotus su ammortizzatori, sospensioni, assetti

Gavan Kershaw, capo dello sviluppo Lotus, spiega la tecnica delle sospensioni e degli assetti delle sportive inglesi

L'abbiamo visto sempre di traverso, al volante della Lotus Emira, nel video dello dello shakedown sulla pista di Hethel (foto qui sotto): interrogato sui segreti degli assetti Lotus, il capo dello sviluppo Gavan Kershaw ha fornito interessanti spiegazioni sulla scuola di pensiero della Casa inglese, che per la qualità della tecnica e della messa a punto è riconosciuta in tutto il mondo. Vediamo insieme che cosa dice...

Lotus Emira sul circuito di prova di Hethel Lotus Emira sul circuito di prova di Hethel

COMFORT VS. MANEGGEVOLEZZA

Per molti sarà una sorpresa, ma per Lotus, comfort e maneggevolezza non sono caratteristiche antitetiche, tra cui trovare un compromesso, bensì due facce della stessa medaglia, che si possono esaltare a vicenda. ''Un'auto confortevole è molto delicata nell'area di contatto (tra gomma e asfalto, n.d.r.) e avere un buon controllo dell'area di contatto significa che se hai una gomma ben posizionata su quella zona, la farai lavorare bene anche al limite'', dice Kershaw. ''Spesso diciamo che un'auto confortevole non ha una natura aggressiva. Quindi il modo in cui si solleva e si inclina è controllato. Non vuole strapazzare la gomma''.

ALLEGGERIRE: DOVE CONTA DI PIÙ

L'aspetto del comfort torna in gioco collegandosi al mantra del fondatore Colin Chapman, di ''semplificare, quindi aggiungere leggerezza''. Particolare attenzione la meritano i componenti delle sospensioni e dei freni. Perdere peso aiuta con le prestazioni, ma l'utilizzo di componenti più leggeri ha un altro vantaggio. ''In genere, più leggere sono e più alta è la frequenza a cui vibrano'', dice Kerhsaw, ''il che, nei fatti, fa diventare queste vibrazioni sempre meno percepibili per l'essere umano. Quelle che avverti, non sono le frequenze alte, ma quelle più basse.''

VEDI ANCHE



Lotus Emira, vista 3/4 posteriore Lotus Emira, vista 3/4 posteriore

AMMORTIZZATORI A CORSA LUNGA

''Se qualcuno ti benda e ti fa muovere molto lentamente su una sedia, non sei in grado di dire come ti sei mosso, dove ti sei mosso, in quale direzione. Lo senti solo se l'accelerazione è piuttosto brusca'', dice Kershaw: ''Il corpo umano riconosce solo la rapidità con cui avvengono i cambiamenti''. Ecco perché è necessario avere buoni ammortizzatori che consentano una corsa molto lunga alle ruote, così da accompagnarne l'arresto progressivamente. Date le dimensioni e il peso ridotto delle Lotus, nella maggior parte delle situazioni 2,25 pollici (5,7 cm) di corsa degli ammortizzatori sono sufficienti. Da qui in poi, i moderni tamponi di fermo corsa in elastomero fanno una grande differenza.

I TAMPONI DI FONDO CORSA

I tamponi moderni ''sono molto lunghi ora, non sono più solo piccole rondelle di gomma, messe lì per evitare danni'', dice Kershaw. Quelli utilizzati da Lotus sono lunghi fino a quattro pollici (10 cm) e funzionano come molle aggiuntive a rigidezza crescente. ''Li puoi calibrare come la molla più intelligente che potresti avere'', dice Kershaw. ''Per un millimetro di extra-corsa, la rigidezza potrebbe raddoppiare, e poi il millimetro successivo potrebbe triplicare. E se hai un'interruzione, potrebbe tornare di nuovo alla metà''.

Lotus Emira, vista 3/4 anteriore Lotus Emira, vista 3/4 anteriore

IL ROLLIO: LENTO, NON NULLO

La percezione umana, limitata alla rapidità nei cambiamenti, gioca un ruolo chiave anche sul modo in cui le Lotus si inclinano in curva. ''Sono abbastanza sicuro che la maggior parte delle persone non saprebbe dirti l'angolo di rollio della propria auto'', dice Kershaw, ''ma quello che possono dirti è se è troppo morbida e si inclina troppo velocemente''. Cita l'esempio della Lotus Cortina, famosa per una foto in cui fa le curve su tre ruote con Jim Clark al volante. Chiaramente ha un rollio importante, ma da dietro il volante è difficile dirlo perché quel movimento avviene gradualmente.

LA FILOSOFIA

Questo aspetto Kershaw non lo esplicita, ma traendo le conclusioni da quanto detto prima, la sportività Lotus è un gioco sottile, basato sull'inganno dei sensi, in cui i movimenti dell'auto non sono ridotti come si pensa debbano essere quelli di un'auto sportiva, bensì finemente controllati. In questo modo l'auto copia bene le strade dissestate senza sembrare flaccida e scomposta quando il ritmo sale. Non è un set-up pensato per le piste lisce come un biliardo, evidentemente, ma su strada vince e convince.

Fonte: Road&Track


Pubblicato da Emanuele Colombo, 24/12/2021
Tags
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox