Autore:
Marco Congiu
GUAI IN VISTA Avete presente la Faraday Future, l'azienda con capitale cinese che si era proposta come "anti-Tesla" grazie alla sua FF91, l'auto elettrica da 1.050 CV? Bene, pare proprio che non stia navigando in buonissime acque. Da quanto si apprende, la fabbrica che sarebbe dovuta sorgere a Las Vegas è stata - dopo un primo ridimensionamento - accantonata. Ma solo momentaneamente. 
 
PROBLEMI ECONOMICI Jia Jueting, manager cinese al vertice de LeEco, la società che controlla Faraday Future, ha ricevuto il congelamento di oltre 180 milioni di dollari i patria, fattore che ha fatto sospendere il cantiere del Nevada. Stefan Krause, e uomo BMW passato a Faraday, punta ad un rapido avvio della produzione per l'auto presentata in occasione del CES di Las Vegas del gennaio scorso. Nel caso in cui il Nevada possa diventare complicato come sito, si potrebbe dirigere il progetto verso la California. 
 
CANTIERE SOSPESO Presentato con tutti gli onori del caso, il progetto della fabbrica della Faraday Future - il brand che si proponeva come accreditato "anti-Tesla" - si è arenato in meno di un anno. Dopo aver presentato un progetto faraonico del valore di oltre un miliardo di dollari - e dopo che un riluttante Nevada ne aveva concessi circa un terzo di sgravi fiscali - lo stato americano ha sospeso il tutto, dopo aver notato una spesa effettiva di meno di 200 milioni di dollari. Troppo poco per convincere le autorità americane della validità del tutto.

TAGS: tesla Faraday Future faraday future ff91