Autore:
Marco Rocca

BENEDETTO TELEFONINO Siamo alle solite: guida con il cellulare in mano. Tutti sappiamo che non si deve assolutamente fare, eppure una sbirciatina ogni tanto arriva. Male, malissimo. A causa di una notifica o di una chiamata si mette a rischio la sicurezza o peggio la vita di qualcuno.

LA PROPOSTA Bisogna inasprire le sanzioni! Per questo motivo il nuovo del Codice della Strada, che in teoria dovrebbe entrare in vigore entro l'anno, prevede una multa di 165 euro (come già accade oggi) e la sospensione immediata della patente. Uno stop di una settimana o più in base alla gravità della situazione in cui il malcapitato verrà trovato. Alla seconda infrazione nei due anni successivi al primo sanzionamento, rimane confermata la sospensione della patente da uno a tre mesi.

COSA DICE IL CODICE Oggi, secondo l’articolo 173 del Codice della Strada è prevista un’ammenda di 165 euro, come detto, più la decurtazione di 5 punti dalla patente e la sospensione da uno a tre mesi, solo nel caso di una seconda infrazione nel corso del biennio. Gli auricolari sono ammessi purchè, cito testualmente, il conducente abbia adeguate capacità uditive a entrambe le orecchie e che abbia libere le mani.

RICORDATE CHE... A differenza di una semplice telefonata, leggere o chattare impegna sia le mani, sia (ahimé) la vista. Che irrimediabilmente, abbandona l'orizzonte e si concentra sul display del cellulare. L'integrazione tra device ed elettronica di bordo ha ora il potere di limitare i danni. Ma a quanto pare, proiettare le funzioni del proprio iPhone di ultima generazione sullo schermo del navigatore non regala le stesse identiche emozioni.

LA SICUREZZA AL PRIMO POSTO Morale della favola? Non utilizzate mai il cellulare alla guida. Per la fretta di rispondere a un messaggio o per un like in più, mettete stupidamente in gioco la vita di qualcuno o la vostra. Ne vale la pena?


TAGS: nuovo codice della strada codice della strada cellulare al volante