Pubblicato il 21/05/20

VIRTUAL DESIGN Con la riapertura degli stabilimenti produttivi in Europa e in Nord America, Ford inizia a sperimentare un lento ritorno alla normalità. Sebbene l’emergenza Coronavirus abbia gravato pesantemente sul gigante di Detroit, nei lunghi mesi di lockdown il reparto sviluppo non ha mai del tutto interrotto le sue attività. E se designer e progettisti hanno potuto continuare a lavorare, il merito va attribuito alla realtà virtuale. In questo periodo, infatti, gli uomini dell'Ovale Blu hanno disegnato veicoli attraverso uno studio di progettazione interamente virtual. Non potendo contare su modellini in argilla, i tecnici hanno fatto ricorso a cuffie VR, operando sui prototipi in computer grafica. Anche se in realtà, Ford già da molto tempo utilizza la realtà virtuale per i rendering degli interni dei suoi modelli, sfruttando le potenzialità dello Sketching a 360°.

La realtà virtuale non ferma progettisti e designer Ford

RACING CAR DIGITALE Ordinaria amministrazione a parte, i designer si sono inoltre dedicati al progetto di un’auto da corsa virtuale, nell’ambito del progetto Team Fordzilla P1. I rappresentati di cinque diverse nazioni di Fordzilla Europa (Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna) e le rispettive community di gamers sono stati direttamente coinvolti nella realizzazione di questa inedita racing-car digitale. Per accelerarne lo sviluppo, Ford ha lanciato otto diversi sondaggi che hanno raccolto oltre 220.000 voti. Il progetto si concluderà entro metà giugno. Per dare dimostrazione delle potenzialità della realtà virtuale in ambito automotive, Ford ha organizzato uno speciale evento livestreaming che si terra il prossimo 21 maggio alle 16:00 ora italiana, sul sito internet Web Car Design News. Durante la video conferenza i progettisti Ford di Europa e Nord America risponderanno alle domande del pubblico, analizzando come il COVID-19 potrebbe influenzare il futuro anche del design.


TAGS: ford Realtà virtuale Ford Team Fordzilla P1