Autore:
Matteo Gallucci

NO FEAR Secondo la ricerca del Centro Studi e Documentazioni Direct Line il problema della "paura di guidare" ha coinvolto almeno una volta circa il 68% degli automobilisti. Una paura che va affrontata e non nascosta. I casi più comuni nei quali i guidatori, con esperienza differente, hanno provato ansia o paura alla guida sono: durante maltempo (nebbia, neve, pioggia intensa o forte vento laterale), nel traffico da orario di punta e mentre si attraversa una sopraelevata, galleria o ponte.

CHI PRIMA ARRIVA Questo fenomeno è meno comune tra chi ha preso la patente appena compiuti i 18 anni. Infatti se ottimamente impostati da istrutturi capaci e qualificati si imparano subito i giusti automatismi, la corretta posizione di guida e le manovre d'emergenza per saper gestire sempre la dinamica del proprio veicolo in diverse situazioni. Senza paura, conoscendo i propri tempi di reazione, quelli della vettura e i sistemi di sicurezza e aiuto alla guida equipaggiati. Il discorso non vale se non si guida spesso, se si è smesso di guidare per anni o se si è presa la patente tardi.

CONSIGLI PRATICI La rete di autoscuole "La Nuova Guida" ha lanciato un'iniziativa con l'obiettivo di far superare la paura di guidare (amaxofobia) all'automobilista prima che questo tipo di ansia diventi un problema patologico. Il primo passo è individuare e analizzare sintomi e cause della propria paura e superarla tramite un opuscolo dal titolo "Paura di Guidare" contentente consigli pratici e grafiche esplicative su come affrontare le principali paure. Nel caso di problemi patologici, invece, è consigliabile rivolgesi direttamente ad uno specialista perché una fobia molto forte è capace di indurre attacchi di panico o tachicardie che potrebbero farvi perdere il controllo del veicolo.

 

 


TAGS: guida pratica la nuova guida paura di guidare