Autore:
Federico Sardo

LA PRIMA CORSA DEL SECONDO CAPITOLO La saga di Fast and Furious è nel cuore di quasi tutti gli appassionati di motori. Sicuramente una delle scene più iconiche che ci ha regalato il famoso franchise statunitense, con Vin Diesel e il compianto Paul Walker, è quella della prima gara di 2Fast 2Furious, il secondo capitolo della serie. Ad affrontarsi in quella mitica scena erano quattro bolidi niente male: la Nissan Skyline GT-R R34 del 1999 guidata da Brian O'Conner (interpretato da Paul Walker), la Honda S2000 AP1 del 2001 guidata da Suki (Devon Aoki), una Mazda RX-7 FD del 1993 guidata da Orange Julius (Amaury Nolasco) e la Toyota Supra Turbo MkIV JZA80 del 1993 guidata dallo sfortunato Slap Jack (Michael Ealy).

UN SALTO INDIMENTICABILE Sono tanti i momenti di quella corsa rimasti impressi nella memoria di tutti, dalla vittoria di Paul Walker allo schianto della Supra.  Tra questi c’è sicuramente il salto del ponte della Honda S2000 tutta rosa di Suki, che sigilla l’evoluzione riuscita con un efficace “baciami il culo”. Ora abbiamo la possibilità di saperne molto di più su quel salto e per questo dobbiamo ringraziare Craig Lieberman, che era direttore tecnico, a stretto contatto con regia e produzione, sul set dei primi due capitoli di Fast and Furious. Da un po’ di tempo infatti Lieberman pubblica sul suo canale YouTube materiali inediti girati dietro le quinte di quei film, raccontando un po’ di dettagli su come sono state realizzate alcune delle scene più impressionanti.

I SEGRETI DELLA SCENA Scopriamo per esempio che, nel caso della scena in questione, l’auto era comandata a distanza: è stata costruita una S2000 con un complesso sistema di controllo remoto, di modo che l’auto potesse restare sospesa in aria un tempo sufficiente a realizzare una scena davvero spettacolare, ma senza il bisogno che l’attrice Devon Aoki (o una sua controfigura) fosse costretta a sobbarcarsi sul serio un atterraggio del genere e la conseguente esplosione dell’airbag.

IL VIDEO Meno fortunato lo staff che, a bordo di un Dodge Durango, controllava l’auto a distanza. In teoria nemmeno loro avrebbero dovuto affrontare il salto ma, per quanto tutto sia andato bene, in qualche modo è toccata loro un po’ più di avventura del previsto. Ma potete osservare tutta la storia direttamente nel video, che vi proponiamo qui sotto.

 


TAGS: backstage fast and furious 2fast2furious video backstage 2 fast 2 furious