Autore:
Luca Cereda

REALTA' VIRTUALE A salutare lancette e contagiri analogici ci stiamo preparando da un po', ma il futuro è tutta un'altra storia: per quello forse non saremo mai pronti, talmente corre veloce. Al CES 2017, BMW presenta una strumentazione a ologrammi, il BMW HoloActive Touch. Finirà che tra un po', per dare gli ordini alla nostra auto, tra un po', basterà la forza del pensiero.

GRANDE MAGO Sostanzialmente è il touchscreen che si fa virtuale. Ne avevamo avuto un anticipo al CES dell'anno scorso, sempre da BMW, con l'AirTouch, uno schermo a comandi gestuali capace di anticipare le nostre intenzioni (ad esempio quella di fare una chiamata); il BMW HoloActive Touch è ancora più evoluto, pur basandosi essenzialmente su tecnologie già esistenti, come l'head-up display e i comandi gestuali. Nella nuova strumentazione che la casa bavarese presenta al CES 2017, menu e immagini sono costituiti da ologrammi e sono proiettati appunto sull'head-up display, non su un display tradizionale. Selezionando ed esplorando i vari menu, tutto avviene senza alcun feedback tattile.

APPUNTAMENTO A GENNAIO Il BMW HoloActive Touch vuole dunque conciliare i vantaggi dell'head-up display con quelli del dei comandi virtuali: la vera novità, rispetto a quanto è già stato visto nelle puntate precedenti, sta qui. Il sistema è ovviamente predisposto per una perfetta integrazione con i servizi BMW Connected. Il CES di Las Vegas aprirà il prossimo 5 gennaio.


TAGS: consumer electronic show ces las vegas BMW HoloActive Touch ces 2017