Pubblicato il 10/05/2019 ore 18:15

IL PRESENTE Durante la conferenza stampa relativa agli incassi del primo quadrimestre del 2019, il CEO di Ferrari Louis Camilleri ha annunciato che la casa di Maranello smetterà di produrre i motori Maserati. Ha affermato che il calo di vendite del Tridente aveva portato a una flessione negativa nel reparto motori e che, tagliando la fornitura, il Cavallino potrà concentrarsi esclusivamente sul proprio reparto automobilistico. 

IL PASSATO Dal 2002 tutti i motori di Maserati sono stati prodotti da Ferrari, in base agli accordi che negli anni Novanta portarono Fiat a delegare a Maranello il controllo sul brand. La partnership è proseguita anche in seguito al ritorno di Maserati sotto il cappello di FCA, avvenuto nel 2015.

I MOTORI Nel corso degli anni, Ferrari ha fornito a Maserati un motore tre litri biturbo V6, un 3,8 litri biturbo V8 e un 4,7 litri aspirato V8. Entrambi i V8 erano creazioni originali di Ferrari, mentre il V6 è una produzione interna di Maserati basata sul propulsore Chrysler Pentastar.

IL FUTURO Non è ancora chiaro chi si occuperà in futuro dei motori Maserati. Secondo l’accordo, la fine della produzione di motori per il Tridente avrà luogo intorno al 2021 o 2022. A quel punto, volendo fare delle ipotesi, potrebbero essere candidati un V8 di produzione americana (come vi suonerebbe un Dodge Hellcat da 707 CV?) o un parente del V6 dell'Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio. Sempre che la parentela di quest'ultimo con il Cavallino non sia giudicata troppo stretta... 

 


TAGS: motori ferrari maserati V8 Louis Camilleri v6