Pubblicato il 12/02/2020 ore 16:10

12H DI BATHURST Per celebrare i suoi successi nella terra dei canguri, lo scorso 11 febbraio si è tenuto presso lo storico circuito Bathurst Mount Panorama il Lotus Track Day, un’occasione unica per ricordare il profondo legame che lega la Casa di Colin Chapman al Continente australiano. Sul tracciato che ospita l’iconica gara endurance da 12 ore, Lotus ha presentato una special edition della Elise, ribattezzata Elise Cup 250 Bathurst Edition.

SPECIAL EDITION I tratti distintivi della nuova Elise Cup 250 Bathurst sono essenzialmente i cerchi in alluminio forgiato neri, le speciali decalcomanie 250 Cup sparse qua e là sulla carrozzeria e le due targhette commemorative, con tanto di firma che certifica l’artigianalità del prodotto. Non sono state diffuse le specifiche tecniche della Lotus Elise Cup 250 Bathurst, anche se è lecito aspettarsi che la meccanica non sia stata stravolta. Se ciò fosse confermato, a spingere questa speciale Elise lo stesso motore della Cup 250, un 1,8 litri 4 cilindri da 250 CV, in grado di scattare da 0 a 100 orari in 3,9 secondi e di toccare una velocità massima di 240 km/h.

Track Day Lotus a Bathurst

TRACK DAY Oltre al lancio di Elise Cup 250 Bathurst, l’evento organizzato al Mount Panorama ha portato in pista qualcosa come 45.000 appassionati, che con i loro modelli si sono lanciati sui tortuosi tornanti del circuito del Nuovo Galles del Sud. Legame lunghissimo quello che unisce la Scuderia britannica con l’Australia, partendo dai successi di Jim Clark alla fine degli anni 60 e arrivando ai giorni nostri, con l’ultimo successo ottenuto da Kimi Raikkonen all’Albert Park di Melbourne durante la stagione 2013 di F1.


TAGS: lotus lotus elise cup 250 Lotus Elise Cup 250 Bathurst