Autore:
Luca Cereda

PHOTO SHOOTING Eccola, stavolta è proprio lei. Mimetizzato sotto parziale camouflage, il muletto sorpreso a passeggiare per l'isolato attorno allo stabilimento Jaguar Land Rover di Coventry è un archetipo di Defender nuova generazione. A differenza dell'esemplare spiato lo scorso inverno sulle nevi del Nord Europa, stavolta anche il "guscio" Range Rover è stato abbandonato, e sostituito dalla carrozzeria definitiva. Scorrere la gallery per prendere confidenza con L'Icona - Parte 2.

COME SARA' Abbiamo così finalmente un'idea più precisa di come cambierà il look di Sua Maestà Defender. In buona parte scartata la traccia della concept DC100, prototipo mostrato ormai parecchi anni fa (2011), il design sembra piuttosto ispirato a Discovery SVX. L'aspetto rusticano del mezzo – per come lo conoscevamo – viene insomma contaminato dalla moda dettata dalle sport utility. Le caratteristiche linee squadrate e l'immagine spartana da fuoristrada vecchia maniera convivono cioè con dettagli più moderni: cristalli dalla cornice rettangolare e parabrezza verticale, ma anche passaruota rigonfi e paraurti anteriore più avvolgente. Di stampo inequivocabilmente offroad restano semmai l'altezza da terra, il portellone posteriore incernierato a lato, inoltre - ma è ovvio - uno schema a trazione integrale degno di una tradizione avventuriera. L'hashtag #BEST4X4FAR non lascia adito a dubbi. 

QUANDO Breve riassunto delle puntate precedenti. Quello di Land Rover Defender rientra senza dubbio tra i remake più attesi del mondo dell'auto. Annunciata tempo fa, l'operazione rimane ancora in parte avvolto nel mistero, anche perché i tempi di uscita del nuovo modello si stanno progressivamente allungando. Nel 2019 riceveremo notizie ufficiali, mentre l'arrivo nelle concessionarie dovrebbe protrarsi fino al 2020. Almeno secondo le nuove informazioni pubblicate dalla stampa d'Oltremanica, solitamente ben informata sulle vicende del gruppo JLR.

MOLTIPLICATA Autocar aveva anticipato le scorse settimane come nuova Defender darà vita a una terza famiglia nell'universo Land Rover, dopo Discovery e Range Rover. Usciranno, cioè, più versioni dell'iconico fuoristrada inglese, lontane tra loro nel prezzo e nelle misure. Pare che la Casa sia intenzionata a ripristinare le diciture Defender 90 e Defender 110: la prima verrà utilizzata per le versioni passo corto, tre porte e dal prezzo più abbordabile (intorno ai 45.000 euro), la seconda spetterà invece all'alto di gamma, con passo lungo e prezzi da circa 80.000 euro.

MOTORI Tutte le nuove Defender nasceranno sulla piattaforma MLA (in alluminio) del Gruppo, a spingerle troveremo i motori della famiglia Ingenium. A quattro cilindri (come base) sulle versioni più accessibili - che otterranno certamente al mild hybrid e (forse) anche l'ibrido plug-in – a sei cilindri in linea sulle Defender più performanti e costose. Con trazione integrale e trasmissione automatica di serie. La produzione, infine, avverrà probabilmente nella fabbrica sita in Slovacchia, su una linea di montaggio parallela a quella di Discovery. Stay tuned.


TAGS: land rover defender land rover nuova land rover defender Land Rover Defender 2020