Autore:
Lorenzo Centenari

LA BELLA E LA BESTIA Perché un conto è il Suv, un mezzo fatto per marciare sull'asfalto, e che all'occorrenza se la cava anche in off-road. E un conto è il fuoristrada duro e puro, il fratello più selvaggio che al bitume preferisce il fango, alla pianura le salite scoscese. E se Lamborghini amasse il gioco d'azzardo, e togliesse le ragnatele all'LM002? Quella dei megalomani non è una razza in estinzione, anzi. E a differenza delle origini (1986-1992), i suoi membri avrebbero oggi l'imbarazzo della scelta: il Suv da pista, Urus, o il fuoristrada da raid nel deserto, l'LM002 "duepuntozero".

PAZZA IDEA A rilanciare le quotazioni della indimenticata "Lambo Rambo", così chiamata sia in seguito alla propria esuberanza atletica (sotto il cofano tuonava il 12 cilindri della Countach, 5,2 litri di cubatura e 450 cv di potenza), sia perché tra i suoi clienti figuravano "machi" come Sylvester Stallone, ma anche un giovane Mike Tyson, è il magazine statunitense MotorTrend. A colloquio con il Ceo di Lamborghini Stefano Domenicali, l'inviato avrebbe appreso come il progetto di una LM002 di nuova generazione sia stato effettivamente passato al vaglio. Oltre, il numero uno di Sant'Agata non si sbilancia. Le probabilità che l'antesignano dei moderni Sport utility ad alte prestazioni riceva un erede sono tuttavia abbastanza scarse.

UNA POLTRONA PER DUE In realtà la domanda di mercato esiste: icone dell'off-road come Jeep Wrangler e Mercedes Classe G, specie nella sua edizione AMG G63 S, nella propria celestiale nicchia vanno a ruba. Per non parlare dello stesso stock di LM002 usati, poco più di 300 esemplari al mondo le cui quotazioni oscillano dai 300.000 ai 400.000 euro. Gli ostacoli da superare sarebbero semmai di ordine produttivo: insostenibile, ora come ora, investire in una quarta linea di montaggio. Né un prodotto a parte come nuova LM002 potrebbe nascere su piattaforma Urus. Poi chissà...


TAGS: fuoristrada lamborghini stefano domenicali lamborghini LM002 luxury suv