Autore:
Emanuele Colombo

6'52”01 Debutterà la settimana prossima al salone di Ginevra 2017, ma già guardare il video della nuova Lamborghini Huracan Performante mentre conquista il record al Nurburgring dà un'idea delle caratteristiche della supercar del Toro. Guidata da Marco Mapelli, ha girato in 6'52”01 strappando il best lap alla hypercar ibrida Porsche 918 Spyder con un distacco di 5 secondi.

CHI PIÙ CHI MENO La Lamborghini Huracan Performante, munita delle stesse gomme Pirelli Trofeo R disponibili per le vetture di serie, ha girato più veloce anche della specialistica Radical SR8, che è un'autentica auto da corsa con la targa, e solo l'estrema Radical SR8LM le sta ancora davanti al Nordschleife (con un vantaggio di 4 secondi).

ANALISI DINAMICA Della Lamborghini Huracan Performante colpiscono innanzitutto la compostezza e la neutralità in traiettoria, che permettono al pilota collaudatore Marco Mapelli di guidare senza grandi correzioni e di salire su alcuni cordoli senza che l'auto si scomponga: che differenza rispetto al rodeo che fece Jim Mero nel 2008 al volante della Corvette ZR1!

AERODINAMICA ATTIVA Certamente in questo ha molta importanza la trazione integrale, che mantiene la Huracan sui binari anche quando scatena i suoi cavalli in uscita di curva. E poi l'innovativa Aerodinamica Lamborghini Attiva, che attraverso opportune canalizzazioni regolate da servomotori è in grado di compensare le differenze di pressione attorno alle appendici aerodinamiche, per ridurre la resistenza aerodinamica quando non è necessaria la massima deportanza.

LO ZAMPINO DELL'ELETTRONICA L'aerodinamica attiva si combina con la migliorata efficienza del motore, la Lamborghini Piattaforma Inerziale (il set di sensori che permette all'auto di adattarsi alle condizioni di guida) e un nuovo set-up dedicato, che hanno permesso l'exploit in pista pur offrendo, dice Lamborghini, una guida più coinvolgente e dinamica su strada.


TAGS: video pirelli record nurburgring lamborghini huracan performante aerodinamica lamborghini attiva anteprima salone di ginevra 2017 marco mapelli