Autore:
Dario Paolo Botta

MOSTRO 4X4 Lo sappiamo, oltreoceano amano le cilindrate esagerate e le potenze muscolari. Fedele a questa tradizione, Jeep Grand Cherokee Trackhawk, la versione più pepata del SUV top di gamma dell’iconico produttore di fuoristrada nordamericano, conta su un motore spudorato, un V8 6.2 litri HEMI da 707 CV di potenza e 868 Nm di coppia massima, con scatto da 0 a 100 km/h in 3.5 secondi. Sono però uscite nelle ultime ore alcune foto spie che ne immortalo una versione presumibilmente ancora più folle e cattiva, un mostro che stando alle indiscrezioni dovrebbe chiamarsi Grand Cherokee Trackhawk Demon.

UN VERO DEMONIO Il nuovo Grand Cherokee Trackhawk Demon dovrebbe ereditare il propulsore della Dodge Challenger SRT Demon, un motore HEMI V8 da oltre 800 CV con una coppia massima superiore ai 900 Nm, numeri davvero da capogiro. La Grand Cherokee Trackhawk Demon diverrebbe in questo modo il SUV più potente al mondo, staccando nomi illustri come Lamborghini Urus, che si ferma a 650 CV, e Porsche Cayenne Turbo S, "solo" 680 CV. Jeep Grand Cherokee Trackhawk Demon dovrebbe fare il suo debutto ufficiale negli USA agli inizi del 2020, mentre le vendite partirebbero verso la fine dello stesso anno. Scadenze che consentirebbero ai tecnici Jeep di lavorare attentamente sulla nuova piattaforma alla base del SUV.

Jeep Grand Cherokee Trackhawk Demon

E L’ITALIA? La nuova Jeep Grand Cherokee Trackhawk Demon è appositamente pensata per soddisfare le esigenze del mercato nordamericano, è dunque improbabile che questo portentoso SUV arrivi anche in Italia. Per farsi un’idea, la versione top di gamma e più potente della Grand Cherokee venduta nel nostro Paese è l'allestimento Summit con un motore Diesel 3 litri Multijet II da 250 CV AWD. Il prezzo della Grand Cherokee Summit parte da 80.500 euro. Con ogni probabilità la grintosa cugina americana verrà venduta a prezzi non inferiori ai 300.000 dollari, poco più di 270.000 euro. Nel 2021 è invece atteso il debutto della nuova generazione del Grand Cherokee, in arrivo anche in Italia.

IL DESIGN Dalle foto spia non si notano grandi differenze a livello estetico, i cambiamenti principali si concentrano all’anteriore. Il cofano è stato infatti ridisegnato ed appare ora più massiccio e rigonfio, con tutta una serie di nuove aperture e feritoie, pensate per migliorare il raffreddamento del propulsore. La novità principale è però il vistoso air-scoop che fa la sua comparsa al centro del cofano stesso. Un Grizzly ruggente, ma che non uscirà dai Grandi Parchi Usa.


TAGS: jeep Jepp Grand Cherokee Grand Cherokee 2021 Jeep Grand Cherokee Trackhawk Demon