Pubblicato il 08/10/20

CRESCITA LENTA L’andamento complessivo del mercato dell’auto nel 2020 rimane discretamente disastroso, ma cominciano a intravedersi alcuni segnali positivi. Uno arriva dalle vendite del nuovo, come vi abbiamo raccontato qualche giorno fa nel rapporto di UNRAE. L’altro arriva dal mercato dell’usato, in particolare per quello online.

brumbrum: Andamento mercato usato online mese per mese

NUMERI ALLA MANO Stando al rapporto pubblicato oggi dall’Osservatorio di brumbrum.it, nel terzo trimestre di quest’anno l’usato “offline”, ossia quello delle auto acquistate dai piazzali dei rivenditori e dai privati, segna ancora un -17,1%; va un po’ meglio sul fronte di quello online, che chiude con una perdita dell’1,2%. Mese su mese, invece, la situazione mostra un discreto miglioramento: il nuovo chiude con un +9,5%, mentre l’usato +7%. In controtendenza l’usato online, che a settembre 2020 ha registrato una perdita del 5,3% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. 

brumbrum: Andamento mercato usato online Q1 Q2 e Q3

STOCK ONLINE Migliorano anche i numeri legati all’approvvigionamento di vetture, dopo lo stop di fabbriche e concessionari dei mesei precedenti: i primi nove mesi dell’anno segnano un -12% rispetto allo stesso periodo del 2019, ma settembre torna in positivo con un +5%.

LE DICHIARAZIONILa notizia positiva per il settore dell’auto è che la vettura ha riacquisito valore come unico mezzo in grado di garantire spostamenti in sicurezza, cosa che i mezzi pubblici non possono fare”, ha dichiarato Francesco Banfi, CEO di brumbrum. “Ancor più positivo per l’ecommerce automotive, il maggior ricorso dei clienti a canali di acquisto online, per evitare o ridurre il contatto fisico del mercato tradizionale. Si tratta sicuramente di un’opportunità per rendere più moderno e all’avanguardia il mondo dell'auto, che ha tutte le potenzialità per migliorare e tornare ai livelli pre-covid”.


TAGS: mercato auto usato brumbrum Coronavirus covid