Autore:
La redazione
Pubblicato il 30/01/2020 ore 17:05

STOP ALLE AUTO Domenica 2 febbraio sarà una giornata complicata per chi vorrà spostarsi a Milano. Come anticipato qualche giorno fa, il sindaco Beppe Sala ha infatti disposto il blocco pressoché totale del traffico privato dalle 10 alle 18 a seguito dello sforamento, per 25 giorni nei primi 27 dell'anno, di limiti del pm10 nel capoluogo lombardo. Il blocco riguarda tutto il territorio del Comune di Milano.

CHI PUÒ CIRCOLARE E CHI NO Le auto private dovranno quindi rimanere parcheggiate, con pochissime eccezioni: potranno infatti circolare liberamente solo le auto 100% elettriche e le vetture ibride plug-in o con range-extender, ma solo in modalità elettrica. Ferme tutte le altre, anche le mild-hybrid. Semaforo verde per Nissan Leaf o Smart elettriche, ma anche per BMW i8 o Kia Niro Plug-In Hybrid. Bloccati invece tutti quei modelli che non dispongono di una batteria ricaricabile attraverso una presa: tutte le mild-hybrid (per esempio la Toyota Yaris Hybrid) resteranno nel box o nella propria area di parcheggio. Inutile parlare di diesel e benzina. 

Stop al traffico nella città di Milano

DEROGA PER LA PARTITA Nessun blocco per i veicoli del car sharing, per i taxi e gli NCC, mentre chi arriva da fuori città potrà arrivare liberamente ai parcheggi di interscambio da dove prendere i mezzi del trasporto pubblico (che verrà potenziato). Altre deroghe sono previste per necessità particolari (per esempio può circolare chi va o torna da un ospedale); parimenti, una sospensione del blocco è prevista in alcuni tratti stradali per facilitare l'accesso allo stadio di San Siro per la partita Milan – Verona. Tutte le categorie derogate dal blocco sono consultabili sul sito istituzionale del Comune di Milano, a questo indirizzo

VIGILI IN STRADA Per garantire il rispetto dell'ordinanza, Palazzo Marino metterà in strada settanta pattuglie di Polizia locale per turno, sia in postazione fissa sia in movimento.


TAGS: inquinamento comune di milano blocco del traffico