Pubblicato il 13/05/21

ARRIVO IN PARATA Ricordate Rapid-e? Sembrava ormai sul punto di essere immatricolata, salvo poi vedere i propri piani naufragare, e cedere il suo posto ad un prodotto giudicato di maggior appeal come il SUV DBX. Ebbene, non sarà probabilmente lei la prima Aston 100% elettrica: ma l'intenzione (l'obbligo) di volgere all'elettrificazione, a Gaydon ora acquista nuovo slancio. Anno target della prima full electric è il 2025. Come qualcun altro, vero Ferrari? E proprio come nel caso del Cavallino, l'identità dell'auto è ancora avvolta dal riserbo massimo. 

Aston Martin Valhalla

L'OGGETTO DEL MISTERO Come anticipato ad Autocar UK dal CEO Aston Martin Tobias Moers, nell'ambito del piano di espansione noto come ''Project Horizon'', entro la fine del 2023 il brand lancerà ''più di 10 auto'', buona parte delle quali elettrificate. L'ibrido plug-in, ma anche l'elettrico puro, viaggeranno su un'architettura flessibile in grado di supportare diversi stili di carrozzeria. La prima elettrica sportiva verrà lanciata nel 2025, idem - o poco più tardi - la versione elettrica di DBX. Escluso sia Rapide, quale la prima ''sportiva'' Aston a inaugurare il nuovo corso? Probabile che sia l'erede spirituale di una tra la DB11 o la Vantage, ma siamo nel campo delle pure speculazioni.

Aston Martin DBX, dal 2025 anche full electric?

NON SOLO EV Prima del 100% elettrico, la prassi impone che si transiti dalla stazione ibrida. Come espressione della partnership tecnica tra Aston Martin e AMG, le supercar Valhalla e Vanquish impiegheranno propulsori ibridi anziché solo il V6 dei rispettivi concept. Lo stesso DBX, nel ftattempo, già a settembre 2021 verrà proposta anche in edizione 6 cilindri in linea con tecnologia mild hybrid. L'elettrificazione non esclude lo sviluppo dei motori termici: dopo l'estate, via libera a Valkyrie e al suo V12 Cosworth da 1.000 cv...

Aston Martin Valkyrie: elettrico what?


TAGS: aston martin aston martin dbx aston martin elettrica aston martin ibrida plug-in