Autore:
Simone Dellisanti

GP ABU DHABI Anche l’ultimo appuntamento del Mondiale di Formula Uno 2016 si è concluso. Il Gran Premio di Abu Dhabi ha decretato il vincitore di questa stagione motoristica e il circuito di Yas Marina ha incoronato Nico Rosberg e la sua Mercedes, campioni del mondo 2016. La vittoria è andata a un pilota per metà italiano, gentile, che ha fatto della costanza e della continuità di risultato la sua arma migliore. Ieri abbiamo analizzato il Gran Premio di Abu Dhabi, mentre oggi è il tempo delle pagelle!

LE PAGELLE Vi ricordo che i voti delle pagelline sono soggettivi e se volete dire la vostra, dare qualche voto in più o in meno ai protagonisti di questo weekend, vi invito a commentare sotto l'articolo o sulla pagina Facebook di MotorBox (educatamente, in entrambi i casi) così che possiamo discuterne insieme!

 

HAMILTON voto 7 Mansell ha dichiarato di essersi vergognato di essere della stessa nazionalità di Hamilton. Vettel ha confessato ai media che il Ginetto ha rallentato il gruppo per cercare di far perdere posizioni a Rosberg. La verità è che Hamilton ha fatto tutto quello che è stato possibile per vincere il Mondiale, com’è giusto che sia. Il tutto rispettando il regolamento. Nonostante il titolo perso, per l'inglese è stata comunque una buonissima stagione, condita purtroppo da tanti problemi tecnici. Il voto così basso per questa gara è dovuto al fatto che, alla fine della corsa, è stato letteralmente spinto dal team a salire sul podio per prendere il premio, oltre al fatto di non essersi congratulato, come avrebbe dovuto, con il suo compagno di squadra-amico che ha conquistato il titolo lealmente.

ROSBERG voto 10 Ha vinto la costanza, la simpatia nel Paddock, la correttezza e la gentilezza. Si può essere campioni anche rispettando le regole e i compagni. Nico Rosberg l’ha dimostrato. Nelle ultime gare ha mancato la vittoria, forse perché Hamilton era troppo forte anche per lui, forse perché il ragioniere che c’è in lui ha preso il sopravvento. Sta di fatto che proprio all’ultima gara, nel momento più importante della stagione, ha tirato fuori le unghie e anche tanta intelligenza, prima chiudendo la porta in faccia a Vettel e a Verstappen e poi seguendo diligentemente il compagno di team facendosi accompagnare fin sotto la bandiera a scacchi. Forse questo sarà il suo unico Mondiale...per il bene della F1, ci auguriamo di no.

VETTEL voto 8 Il pilota tedesco della Ferrari ha regalato alla Scuderia e ai suoi tifosi una gara tutta attacco e grinta. Quello che ci voleva per riportare la Rossa nelle posizioni che contano. Dopo il cambio gomme si è lanciato per 20 giri all’attacco e, alla fine, ha ottenuto la terza posizione. Il podio conquistato da Vettel non cancella l’amaro in bocca causato da questa deludente stagione, ma il terzo posto potrebbe essere un piccolo assaggio che dovrebbe far aumentare la fame di vittorie nella prossima stagione. Macchina marchiata 2017 permettendo.

VERSTAPPEN voto 8 L’Olandese Volante ha messo su un’altra ottima gara che ci sta convincendo sempre di più a ritenerlo un vero predestinato. Dopo il testacoda avvenuto alla prima curva, Max, è stato capace di risalire fino alle posizioni che contano, andando a dare fastidio, perfino alle Mercedes e finendo la gara con una sola sosta ai box. Max ha chiuso l'anno con un successo strepitoso in Spagna, probabilmente il primo di tanti, ma anche con tante polemiche per il suo atteggiamento fuori dalle righe e fuori dal regolamento. Appuntamento all’anno prossimo quindi, magari con una macchina più competitiva e con un po' più di educazione.

RICCIARDO voto 8 e voto 5 L’otto in pagella è dovuto al buon risultato ottenuto nel 2016. Il terzo posto iridato è il miglior risultato possibile per chi non guida una Mercedes. Il voto insufficiente è per la gara di Yas Marina. Ieri non è riuscito a sfruttare al meglio le Pirelli Supersoft con cui si è qualificato, inoltre si è fidato troppo della strategia conservativa del muretto box, senza batter ciglio, rimanendo dietro al compagno di squadra senza attaccarlo. Deve osare di più se non vuole essere oscurato, nella prossima stagione, dal suo ingombrante compagno di team.

RAIKKONEN voto 7 Dopo il rinnovo di contratto con la Ferrari, il finnico ha dato vita ad una seconda parte di stagione tra le migliori con la Scuderia di Maranello. Ieri è partito terzo, dopo ottime prove libere e buone prove ufficiali ma non è riuscito a ripetersi in gara, chiudendo soltanto sesto, anche lui come Ricciardo, limitato dalle strategie box troppo conservative. Non sarebbe male se l’anno prossimo non ci mettesse metà stagione per ingranare, potrebbe ottenere dei buoni risultati...Ferrari permettendo.

BUTTON voto 5 Un brutto addio alla F1, quello di ieri, per il pilota inglese della McLaren. Per la sua festa di addio ci voleva ben altro. Invece si è dovuto accontentare del regalo della McLaren: un braccetto rotto della sospensione che si è sgretolato dopo aver saltato su un cordolo. Troppo poco per l’ultima gara di un grande gentlemen della F1, meritava di più.

KVYAT voto 4 L’epilogo della sua gara rispecchia perfettamente la stagione di Daniil. Il pilota della Toro Rosso è tornando ai box in bicicletta. Speriamo che riesca a rifarsi nella prossima stagione, magari supportato da un team che non lo defenestri dopo metà stagione.


TAGS: ferrari mercedes vettel f1 2016 Raikkonen Hamilton rosberg f1 gp abu dhabi ricciardo verstappen redbull f1 le pagelle