Autore:
Luca Cereda

ISOLA ECOLOGICA In un mercato dell’auto che piange c’è una piccola isola felice: le auto ecologiche. Siano esse ibride, a Gpl o a metano, sono le uniche – complice il caro benzina – a far registrare numeri crescenti in tempi di crisi, con le auto a metano in aumento addirittura di oltre il 50% rispetto a novembre 2011. E Volkswagen che fa? Lancia la Eco up!

SALVADANAIO Variante a metano della non fortunatissima – per ora – citycar tedesca, la Volkswagen Eco up! si gioca la carta dei bassi consumi e costi di esercizio; se infatti è vero – come dichiara la Casa – che le bastano 2,9 chili di metano per percorrere 100 km nel ciclo combinato, significa poter fare 100 km con meno di tre euro (il prezzo del metano è, oggi, di 0,98 euro al chilo) e, considerato che i due serbatoio contengono complessivamente 11 chili di metano, con un pieno da 10,8 euro si arrivano a fare quasi 380 km.

SOTTO GLI OTTANTA I conti in tasca rischiano di far passare in secondo piano il lato eco della up! a metano, le cui emissioni non vanno oltre i 79 g/km di CO2. Il metano è stoccato in due serbatoi montati sotto il pianale in corrispondenza dell’asse posteriore; un serbatoio è collocato insieme a un serbatoio di riserva da 10 litri per la benzina, davanti all’asse; l’altro serbatoio di metano occupa lo spazio normalmente destinato al vano della ruota di scorta. Così, il bagagliaio mantiene immutata la sua capacità di carico: da 250 a 950 litri. Anche per la Eco up! il motore è il 1.0 tre cilindri da 68 cv della up! “vulgaris”, ovviamente modificato per l’alimentazione a gas naturale.


TAGS: volkswagen eco up!