Autore:
Davide Varenna

PRIMI INDIZI Mercedes presenta due versioni della nuova Classe E, berlina e coupé, e subito in Internet si scatenano illazioni sulla sua futura concorrente bavarese. Prima una foto dello stampo del paraurti anteriore e del doppio rene lasciano intuire come sarà il frontale,poi addirittura una foto di tutto il frontale, che si dice scansita da una brochure e comunque molto attendibile, svela tutto l'anteriore della nuova Serie 5. Insomma, la rivale bavarese arriverà solo il prossimo annoe forse verrà svelata questo autunno al Salone di Francoforte, ma già inizia a far parlare di sé.

DUE FOTO Due immagini poco chiare, come si conviene alle foto "rubate" o che vogliono sembrare tali, ma che in mano a un designer dell'auto diventano utilissime per riuscire a immaginare come sarà anche il resto della nuova Serie 5. Ed è quello che abbiamo fatto. Il risultato finale lo avete nelle immagini che trovate nella gallery. Non si tratta però un semplice esercizio di fantasia ma di un lavoro frutto di analisi stilistica e basato sulla lettura dei nuovi stilemi Bmw proposti sulle ultime realizzazioni della Casa. Al centro di tutto c'è ovviamente la nuova Serie 5 Gran Turismo Concept appena presentata (vedi articolo).

METAMORFOSI DELLA GT Una familiare vestita da coupé che andrà ad affiancare sul mercato la più classica berlina della Casa tedesca. Non a caso il pianale è lo stesso. Obbligatorio quindi partire da lei per immaginare come sarà la sesta generazione della Serie 5, modellandone le forme sulla base della stessa GT e facendo riferimento alle linee del paraurti definitivo, le cui immagini sono già circolate in rete da qualche tempo. Oltre alla presunta foto del frontale dove, evidenziate da forti contrasti, si riconoscono linee analoghe a quelle del prototipo GT.

RENE BASSO Le differenze sono minime, vedi il profilo dei fari a ridosso dei due reni e una nervatura che, partendo dal logo, percorre tutto il cofano fino al parabrezza ( come accade anche nella versione recentemente aggiornata della Serie 3). Nella vista frontale la nuova berlina di Monaco perderà dunque parte della cattiveria che caratterizza la recente concept GT: il doppio rene più piccolo ed inclinato e la parte interna dei gruppi ottici rivolta verso il basso trasmetteranno un carattere più pacato, maggiormente adatto alla vasta clientela che dovrà soddisfare.

FIANCHI NERVOSI Anche lo spoiler inferiore, privato delle estroflessioni laterali e adattato ad un profilo più regolare, contribuirà a questa "normalizzazione" dell'aspetto. La fiancata dell'auto presenterà, come nella concept, delle profonde nervature: una, poco sotto la linea di cintura, che dai gruppi ottici anteriori porta fino a quelli posteriori, mentre un'altra più bassa, all'altezza del brancardo. Sono proprio queste che, assieme al profilo del tetto più basso, conferiranno grande dinamismo alla vettura, in accordo con la nuova tendenza di proporre berline sì eleganti, ma attente a non deludere anche gli animi più sportivi (vedi CSL, Passat CC, ecc...).

UN BEL POSTERIORE La vista posteriore risulterà poi meno tormentata rispetto al prototipo GT in quanto non ci sarà il problema dell'alleggerimento dei volumi: meno linee orizzontali (come per esempio la cromatura che collega i gruppi ottici della concept) e luci più basse e slanciate consentiranno anche una maggiore pulizia delle forme, oggi sempre più apprezzata. Per lo stesso motivo dovrebbe poi essere eliminato il rigonfiamento inferiore del paraurti, dando così più continuità al profilo.

TRA SOGNO E REALTA' Altri dettagli divergeranno da ciò che abbiamo visto sulla recente concept GT: chicche come i cerchi, che quasi ricordano i delicati e unici pizzi di Cantù, e i sottili specchietti retrovisori (diversi anche nella recente spy shot della brochure ) rimarranno infatti nei sogni dei futuri clienti, insieme agli scarichi rettangolari che lasceranno probabilmente il posto, almeno per le normali motorizzazioni, ai più tradizionali terminali circolari.

GUARDALA IN GRANDE