Autore:
Emanuele Colombo

FALSO D'AUTORE Lo diciamo subito: Lancia non è ufficialmente impegnata nel progetto, eppure al Salone di Ginevra 2018 vedremo finalmente una nuova Stratos che la Manifattura Automobili Torino (MAT) di Paolo Garella, ex Pininfarina, ha dichiarato di voler costruire in tiratura limitatissima a 25 esemplari. La MAT non è nuova alla realizzazione di supercar, è infatti specializzata nella progettazione, ingegnerizzazione e costruzione di modelli unici: in passato ha realizzato modelli fortemente orientati all'uso in pista come la Apollo Arrow e la spettacolare Scuderia Cameron Glickenhaus SCG003S.

SIMILE ALL'ORIGINALE La Stratos 2018 riprende un design che circola dal 2011: quello del prototipo New Stratos. Secondo quanto dichiarato da MAT, ha dimensioni simili alla Stratos originale, con 3.710 mm di lunghezza (come una Fiat Panda 4x4) e lo stesso passo corto. Il peso dovrebbe essere molto ridotto: la concept del 2011 faceva segnare appena 1.274 kg sulla bilancia. Il motore è accreditato di 542 CV e dalle immagini si intuisce che il cambio sarà di tipo sequenziale, con comandi al volante.

DESIGN CONFORME Il layout dell'auto è ovviamente a motore centrale e il design esterno conserva il profilo a cuneo, il parabrezza semicircolare, i serbatoi laterali, i cofani anteriore e posteriore rimovibili e il portello di accesso al motore dell'originale. Gli interni della nuova Stratos replicano e attualizzano molte caratteristiche dell'originale, tra cui il roll-bar integrato e scomparti porta caschi per il guidatore e il... navigatore.

QUANTI MISTERI Sulle altre caratteristiche tecniche, per ora, il comunicato di MAT non fornisce dettagli. Si limita a dire che ha ottenuto il permesso di replicare design e tecnologie della concept di 7 anni fa. Il che è sorprendente, vista la storia del prototipo. La Lancia Stratos 2011, infatti, era stata commissionata dal tedesco Michael Stoschek, presidente del fornitore di ricambi per auto Brose.

LA STORIA Il design era stato realizzato da Pininfarina, mentre la Stratos originale era opera di Bertone. La base meccanica era quella di una Ferrari F430 e molte volte si era parlato di una produzione in piccola serie, ma alla Ferrari questo non piacque per niente, tanto che da Maranello giunse il divieto per Pininfarina e per qualsiasi altro fornitore dipendente dalla Ferrari di procedere in tal senso.

OK IL PREZZO È GIUSTO? Ora la difficoltà sembra essere stata superata, forse ricorrendo a una diversa base meccanica, e: "La piattaforma di base utilizzata da MAT consentirà la creazione di una GT Racer, una versione Safari e una supercar adatta per l'uso quotidiano", riporta il comunicato. "Sono felice che altri appassionati di auto possano sperimentare come il successore della più affascinante vettura da rally degli anni 70 sia ancora il punto di riferimento per il design e le prestazioni", ha detto Stoschek. Per il prezzo si parla di 550.000 euro, a cui si aggiunge il costo di una Ferrari F430 o F430 Scuderia come donor car.

 


TAGS: nuova lancia stratos salone di ginevra 2018 ginevra 2018 lancia stratos 2018 new stratos lancia stratos strosheck nuova lancia stratos potenza nuova lancia stratos storia nuova lancia stratos caratteristiche nuova lancia stratos prezzo nuova lancia stratos foto nuova lancia stratos produzione nuova lancia stratos mat manifattura automobili torino mat lancia stratos manifattura automobili torino lancia stratos paolo garella lancia stratos Michael Stoschek pininfarina new stratos