Autore:
Paolo Sardi

E BRAVO, GIACOMINO! All'ombra dei Quattro Anelli continua a ritmo serrato il lavoro di collaudo e sviluppo dei sistemi di guida autonoma o pilotata che dir si voglia. Dopo aver, tra le altre cose, ottenuto tempi sul giro da primato a Hockenheim con una RS7 Sportback priva di pilota e aver completato il percorso della Pikes Peak con una TTS senza anima viva a bordo, in Audi stanno ora intensificando la sperimentazione su strade aperte al traffico. Con la benedizione delle autorità tedesche, il prototipo Audi A7 "Jack" sta macinando chilometri sull'autobahn A9, le cui caratteristiche la rendono perfetta come laboratorio a cielo aperto. Qui l'evoluta centralina di controllo zFAS sta facendo progressi costanti e ora gestisce con grande naturalezza situazioni di non facile interpretazione, come il sorpasso degli autocarri e l'immissione di altre macchine dalle corsie di accelerazione.

A TUTTO CAMPO Sempre in questo habitat ideale, i tecnici stanno lavorando alle infrastrutture e alla loro capacità di dialogare con "Jack". L'obiettivo è l'invio immediato dei messaggi presenti sui pannelli dell'autostrada alla macchina, che dovrebbe trovare altri punti di riferimento in una nuova segnaletica studiata ad hoc. Il navigatore dovrebbe poi apprendere una nuova logica, pronto a scegliere percorsi più ricchi di tratti ideali per la guida pilotata. Un ultimo progetto su cui stanno impegnandosi molto in Audi porta il nome in codice "First Mile" e riguarda l'area immediatamente a ridosso della nuova uscita autostrdale di Ingolstadt-Süd. Qui, a poca distanza dalla sua fabbrica, la Casa sta studiando con l'amministrazione locale upgrade delle infrastrutture, come nuovi cordoli e incroci dotati di sensori, che permetteranno alle auto di muoversi in maggior sicurezza, dopo ulteriori sperimentazioni che partiranno nel 2018.


TAGS: audi guida autonoma novità auto radar Audi A7 concept Jack autonomous drive guida pilotata piloted driving concept