Pubblicato il 20/12/2019 ore 11:09

LA REALTÀ VIRTUALE ENTRA IN AUTO Hyundai e Kia hanno presentato nei giorni scorsi il Virtual Reality Design Evaluation System, un nuovo e innovativo sistema di analisi delle vetture che sfrutta le potenzialità della VR per consentire a un gruppo di ben venti persone di lavorare contemporaneamente al design di una vettura.

CONTROLLO A PIÙ MANI La nuova tecnologia rientra in un investimento congiunto di quindici miliardi di won sudcoreani, pari a circa dodici milioni di euro nel Centro di Ricerca e Sviluppo di Namyang. I visori VR permettono ai designer e agli ingegneri di entrare (virtualmente) all’interno nelle simulazioni di sviluppo, con ben trentasei sensori in grado di monitorare e individuare le posizioni e i movimenti di tutti gli utenti, consentendo a ciascuno di partecipare in modo preciso e in tempo reale. In questo modo, i progettisti possono per esempio simulare le operazioni dei singoli componenti di una macchina: porte, cofano, tergicristalli... In aggiunta, si snelliscono i test di ergonomia e aerodinamica.

La realtà virtuale di Kia e Hyundai permetterà il lavoro in contemporanea di un team di venti persone

NON SOLO CONTROLLO QUALITÀ Hyundai ha utilizzato per la prima volta questa metodologia nella progettazione del mezzo pesante HDC-6 Neptune Concept Class 8, presentato al North American Commercial Vehicle Show lo scorso ottobre. I progetti futuri prevedono, tra gli altri, di ampliare le potenzialità del sistema in modo da consentire la collaborazione da remoto tra centri di progettazione in luoghi diversi del mondo, sfruttando anche la realtà aumentata. Ancora, il processo di sviluppo virtuale entrerà a breve anche nei reparti di produzione.

PIÙ INVESTIMENTI PER IL FUTURO L’obiettivo di questo progetto non è certo scimmiottare i film di fantascienza à la Minority Report (anche se le foto sembrano dare quell’effetto), quanto ottimizzare i processi produttivi. In altri termini, risparmiare soldi. Le case stimano una riduzione dei tempi di sviluppo dei veicoli del 20%, e dei costi annuali di sviluppo del 15%. Questi risparmi dovrebbero permettere un ciclo più efficiente di investimenti in ricerca e sviluppo.
 


TAGS: hyundai kia realtà virtuale vr