Autore:
Emanuele Colombo

IL PROGETTO LOOP L'idea è semplice e ve ne avevamo parlato qui e qui: tunnel sotterranei entro cui le auto possano sfrecciare per evitare il traffico. Per realizzarli, Elon Musk aveva fondato due anni fa The Boring Company (sì, quella del lanciafiamme giocattolo) e oggi, a bordo di una Tesla Model X, ha percorso il primo: realizzato per testare la sistema Loop, nella cittadina di Hawtorne, vicino a Los Angeles.

COME FUNZIONA Il tunnel percorso da Musk è lungo 1,8 chilometri e ha un diametro di 3,66 metri. Le auto lo seguono con l'aiuto di speciali pattini a rotelle rimovibili: montati sulle ruote anteriori con la duplice funzione di guidare il veicolo – come fosse sui binari – e di stabilizzarne la corsa. Velocità massima? 240 km/h, per ora.

LE PROSPETTIVE L'obiettivo è permettere alla futura rete di cunicoli, che potrebbe dipanarsi su 30 livelli sotterranei, di far passare oltre 4 mila veicoli l'ora. E se per il momento la sperimentazione viene condotta solo con auto Tesla, è possibile che in in futuro l'accesso alla rete definitiva venga consentito a tutte le auto elettriche e a guida autonoma.

QUALCOSA È CAMBIATO Rispetto a quanto era stato divulgato in origine, si notano significative differenze. Il primo concept del progetto prevedeva carrelli automatizzati su cui le auto dovevano salire per poter essere trasportate a 200 km/h. La dimostrazione messa ora in scena da The Boring Company – con un investimento di 10 milioni di dollari, si dice – mostra invece i pattini a rotelle di cui sopra e preannuncia una velocità superiore.

LA DIMOSTRAZIONE Si tratterebbe solo di un esperimento, comunque, che quindi potrebbe non rispecchiare il sistema definitivo. D'altra parte il tunnel di Hawtorne è stato realizzato e completato il 18 diccembre 2018 con lo scopo di collaudare due diversi concetti per la mobilità urbana del futuro: Loop e Hyperloop.

LOOP E HYPERLOOP Loop è il sistema di cui parliamo oggi, per la mobilità urbana; Hyperloop è invece un sistema sotterraneo per il collegamento tra città diverse, che non utilizza automobili, ma speciali pod a 8 o 16 posti che si muovono in tunnel sotto vuoto per raggiungere velocità di oltre 950 km/h.

LE REAZIONI Controverse le reazioni tra i fortunati che hanno partecipato alla dimostrazione. Alcuni hanno trovato l'esperienza comprensibilmente impressionante, altri hanno sofferto il mal d'auto, forse a causa di continui sobbalzi dovuti al fondo imperfetto del tunnel di prova. Ma in generale avrebbe prevalso lo stupore per un'idea che ha davvero il potenziale per trasformare la faccia delle città. E le richieste per visitare l'impianto fioccano...


TAGS: tesla elon musk the boring company loop tunnel elon musk tunnel