Autore:
La Redazione

TEAM DI CAMPIONI La Suzuki nel Motomondiale è sempre stata un team che ha portato al successo grandi Campioni: due volte Barry Sheene (1976 e 1977), poi Marco Lucchinelli (1981), Franco Uncini (1982) e, in tempi più recenti, Kevin Schwantz (1993) e Kenny Roberts Junior (2000). Tra le sue fila sono passati anche grandi personalità, come Randy Mamola, Doug Chandler e Sete Gibernau, con il quale ha esordito nel 2002 nella nuova classe MotoGP. Lo spagnolo, assieme a Roberts Jr, portò in pista la neonata GSV-R, che all’esordio sembrava poter lottare da subito per le posizioni di vertice.

SEMPRE A METÀ CLASSIFICA Dal 2004, però, le potenzialità della quattro cilindri di Hamamatsu pagò l’impennata di prestazioni proveniente da Honda, Ducati e Yamaha. In tanti provarono a portare al successo la GSV-R, ma solo l’arrivo prima di Chris Vermuelen e poi di Loris Capirossi riuscì a far vedere alla Suzuki qualche spiraglio di sole. Nel 2007 il pilota australiano centrò la prima vittoria del reparto corse giapponese in MotoGP, per la precisione nel GP di Francia, in quello che diventò il miglior anno di sempre per la Casa di Hamamatsu. In seguito la Suzuki si piazzò tra i Costruttori sempre a metà classifica, mostrando un gap di prestazioni nei confronti delle avversarie decisamente elevato che non gli permise di lottare per le posizioni che contavano.

IL RITIRO E IL RITORNO ALLE CORSE Per questo motivo, nel 2011, la Suzuki decise di ritirare il suo reparto corse dalla MotoGP, in modo da prendersi il tempo necessario per progettare una nuova moto più competitiva e veloce. Questo accadde qualche anno più tardi, quando i vertici di Hamamatsu presentarono la rinnovata GSX-RR che sarebbe stata portata in pista da Aleix Espargarò e Maverick Vinales durante la stagione 2015. Per l’appunto, fu il giovane pilota di Figueres a riportare al successo la Suzuki, in quel GP d’Inghilterra del 2016 che rappresentò anche la sua prima vittoria nella classe regina. Nel 2017, invece, la GSX-RR è stata affidata ad Andrea Iannone e ad Alex Rins. I risultati sono arrivati solo nella seconda stagione, con un totale di 9 podi (4 per l'italiano e 5 per lo spagnolo). Il team ha confermato quest'ultimo affiancandolo con il giovane e promettente connazionale Joan Mir per la stagione 2019.

SUZUKI RACING IN MOTOGP

Anno Moto Piloti Punti Pos. Vittorie
2002 Suzuki GSV-R Kenny Roberts Junior 150 0
    Yukio Kagayama      
    Sete Gibernau      
2003 Suzuki GSV-R John Hopkins 55 10º 0
    Akira Ryō      
    Kenny Roberts Junior    
    Yukio Kagayama      
2004 Suzuki GSV-R John Hopkins 89 0
    Kenny Roberts Junior    
    Yukio Kagayama      
    Gregorio Lavilla      
2005 Suzuki GSV-R John Hopkins 126 0
    Kenny Roberts Junior    
    Nobuatsu Aoki      
2006 Suzuki GSV-R John Hopkins 214 0
    Chris Vermeulen      
2007 Suzuki GSV-R John Hopkins 368 1
    Chris Vermeulen      
2008 Suzuki GSV-R Chris Vermeulen 248 0
    Loris Capirossi      
    Ben Spies      
2009 Suzuki GSV-R Loris Capirossi 216 0
    Chris Vermeulen      
2010 Suzuki GSV-R Álvaro Bautista 129 0
    Loris Capirossi      
2011 Suzuki GSV-R Álvaro Bautista 73 0
    John Hopkins      
2015 Suzuki GSX-RR Aleix Espargaró 202 0
    Maverick Viñales      
2016 Suzuki GSX-RR Aleix Espargaró 295 1
    Maverick Viñales      
2017 Suzuki GSX-RR Andrea Iannone 130 0
    Álex Rins      
    Takuya Tsuda      
    Sylvain Guintoli      
2018 Suzuki GSX-RR Andrea Iannone 302 0
    Álex Rins      

TAGS: suzuki motogp suzuki motogp suzuki gsx-rr Team Suzuki Ecstar Davide Brivio alex rins joan mir motogp 2019