Autore:
Giulio Scrinzi

QUESTIONE DI GOMME Il terzo round del Mondiale di MotoGP 2018 si sta avvicinando e la Michelin, fornitore ufficiale del Motomondiale, è pronta a svelare i propri assi nella manica per fornire ai piloti le migliori soluzioni possibili da adottare in pista. Il circuito di Austin, ricco di curve dalle caratteristiche differenti, di un rettilineo lungo più di un chilometro e contraddistinto da una superficie che crea uno stress elevato sugli pneumatici, sarà una vera sfida per la Casa francese, che porterà in totale cinque mescole. Tre saranno da asciutto (morbida, media e dura), con solo il posteriore caratterizzato da una struttura asimmetrica e da una spalla destra più forte per affrontare al meglio le curve di questo tracciato. Nel caso in cui la pioggia facesse capolino, inoltre, la Michelin porterà anche due mescole da bagnato (morbida e media).

PIERO TARAMASSO A proposito di questa ennesima sfida per la Michelin, ecco il commento del Circuit of The Americas di Piero Taramasso (Manager del Gruppo Two-Wheel Motorsport): “Si tratta di un altro tracciato difficile e noi dobbiamo fornire uno pneumatico che possa rappresentare il meglio per i piloti in ogni tipo di curva, nelle zone di frenata violenta e su una superficie particolare. Gli organizzatori dell’evento hanno cercato di risolvere la situazione delle buche causate da altre competizioni, quindi sarà importante per noi capire l’effetto che questo avrà sulle gomme. Il CoTA è uno dei circuito in cui siamo decisi a migliorare, visto che siamo convinti di non aver ancora dimostrato il vero potenziale degli pneumatici: guardiamo a qualche risultato positivo ed alla possibilità di mostrare ciò che sappiamo fare”.


TAGS: motogp michelin motogp motogp 2018 michelin motogp 2018 michelin motogp austin 2018 michelin motogp usa 2018